Tutto sul CBD: la parola agli Esperti ed agli Studi

185 Condivisioni

I cannabinoidi sono composti chimici unici presenti nella pianta di cannabis. 

E’ dimostrato da numerosi studi che queste molecole, insieme ai composti aromatici chiamati terpeni, abbiano un beneficio medicinale. 

Link STUDIO

I benefici per la salute del CBD sono stati studiati sin dagli anni ’70 , ma una recente ondata di attenzione da parte dei media, di ricerche e di resoconti aneddotici ha raggiunto il picco dell’interesse generale per il cannabinoide non psicotropico.

Il CBD (Cannabidiolo) è estremamente popolare in questi giorni, essendo pubblicizzato come la cura per quasi tutto, dall’ansia al dolore all’infiammazione. Ci sono più di 80 cannabinoidi conosciuti nella cannabis.

Potresti avere familiarità con il THC (Tetraidrocannabinolo). 

Il THC è un cannabinoide ed è responsabile dell’ “high” che si ottiene dalla cannabis. 

Tuttavia, il THC è anche responsabile di gran parte del beneficio derivante dall’uso medicinale della cannabis, compreso il controllo dell’ansia e della depressione e il controllo del dolore, il trattamento dell’insonnia, scarso appetito e nausea e vomito. 

Poiché a livello di considerazione medica tutti i medicinali hanno effetti collaterali, è giusto considerare l’ “high” un “effetto collaterale” (siamo nel puro ambito medico tecnico NDR) della cannabis (e del THC) che, come tutti gli “effetti collaterali”, deve essere gestito quando si utilizza il medicinale mediante dosaggio e tempi adeguati.

Una delle ragioni principali per cui sul CBD si sta discutendo così ampiamente è il fatto che, a differenza del THC, non causerà alcun “high”. 

Poiché l’ “high” nell’uso medico è un effetto collaterale indesiderato, il CBD sembra essere una scelta interessante per tanti pazienti. 

La domanda è: il CBD fa effettivamente una delle cose che la gente dice?

La risposta è sì E no. 

Il CBD è attualmente oggetto di ricerca per una serie di condizioni mediche diverse. Ad esempio, il cannabinoide ha dimostrato potenti proprietà antipsicotiche negli studi sull’uomo di schizofrenia resistente al trattamento.

Uno studio clinico pubblicato nel maggio 2017 ha testato gli effetti del CBD nella condizione epilettica debilitante, la sindrome di Dravet. Lo studio ha rilevato che il CBD ha ridotto le convulsioni del 50% nel 43% dei soggetti a cui è stato somministrato il farmaco.

Il CBD è anche considerato come un trattamento e una prevenzione per trauma cranico , così come nel diabete , dolore , cancro , malattie neurodegenerative , depressione, ansia e ricerca di dipendenza .

Il cannabinoide è particolarmente promettente nella medicina pediatrica, dove mostra il potenziale come farmaco antiepilettico sicuro senza effetti psicotropi. La possibilità di accedere a integratori e ceppi ad alto contenuto di CBD rappresenta un importante passo avanti per pazienti, consumatori di benessere e professionisti dell’industria della cannabis.

Dunque SISì, nel laboratorio il CBD può essere usato per trattare l’ansia e persino la psicosi nell’uomo. 

Nei topi il CBD è stato utilizzato per ridurre l’infiammazione (e per associazione, dolore) causato da gambe fratturate.

Tuttavia è importante capire che questi risultati si applicano (spesso NDR) SOLO al laboratorio. 

Tutti questi studi hanno utilizzato dosi molto elevate di CBD

L’equivalente di 500-1500 mg al giorno. Le dosi più basse si sono rivelate inutili

Queste dosi più elevate costano $ 30-80 al giorno, che è alquanto fuori dalla portata dei portafogli della maggior parte dei pazienti. Inoltre, non è realistico trovare un’offerta di tanto CBD su base regolare.

Vale anche la pena notare che a queste alte, ma efficaci dosi, il CBD può interagire con molti farmaci convenzionali, che possono dunque a loro volta creare effetti collaterali indesiderati, sicuramente peggiori di quelli eventuali dati dall’interazione con THC (si parla di “euforia” per il THC come effetto collaterale! NDR).

Il CBD ha anche avuto molto successo nel trattamento delle crisi epilettiche – nei bambini che hanno rari disturbi genetici. Hai notato quanti e quali aggettivi specificativi sono stati usati nella descrizione? Questi studi sono molto interessanti, ma non si applicano necessariamente agli epilettici adulti sani.

Quindi, perché ci sono così tante potenti testimonianze sui benefici del CBD? Perché ci sono così tante aziende là fuori che vendono CBD?

Il placebo è una cosa meravigliosa. Cos’è in realtà il placebo? Il placebo è una qualsiasi sostanza che in realtà non sta facendo nulla, o molto molto poco rispetto a quanto si creda. Tuttavia, se l’utente ritiene che la sostanza debba fare qualcosa, a volte quella cosa accade. 

Quindi se credi che il CBD aiuterà il tuo dolore, anche se non stai prendendone abbastanza per farlo davvero, a volte ti senti meglio comunque. L’effetto placebo è reale e potente e funziona perché molti sintomi come l’ansia o il dolore sono percezioni del nostro cervello. 

Se riusciamo a influenzare le nostre convinzioni con una sostanza inattiva, a volte percepiamo un cambiamento nei nostri sintomi. 

Tuttavia, questo NON significa che la sostanza, come il CBD, stia creando il beneficio. Potrebbe essere qualsiasi sostanza inattiva in cui crediamo.

Il CBD è costoso e, se si tratta di un placebo, rende il prodotto perfetto! Se l’utente crede che sia d’aiuto, anche se non lo è, e non ci sono effetti collaterali, questo rende le aziende molto eccitate. In breve, sono felici di prendere i vostri soldi. E molto.

Queste sono le prove scientifiche descritte dal   sul suo sito ufficiale (LINK)

Indice

Approfondimento:  La Corte Suprema del Messico apre alla regolamentazione della Cannabis

Cosa dicono altri esperti sugli effetti e sui benefici del CBD?

 

Per far luce sull’argomento, Leafly ha riunito un gruppo di cinque esperti in diverse aree della cannabis per valutare diverse situazioni:

Ecco cosa hanno da dire.

Quali effetti ha il CBD da solo?

Mary Lynn Mathre : “Molti – ansiolitici, anti-infiammatori, anti-convulsivi, neuroprotettivi, stimolanti ossei, anti-spasmodici e altro ancora.”

Jessica Peters : “Anti-infiammatoria, anti-spasmodica, anti-proliferativa, analgesica, ansiolitica (anti-ansia), neuroprotettiva, anti-psicotica, anti-emetica (anti-nausea) … Posso tecnicamente rispondere a quali sono le proprietà del CBD , ma queste proprietà potrebbero non apparire se il THC non è presente. Una potenziale nuova categoria di ricerca che ho visto in modo aneddotico sono le proprietà che combattono la dipendenza … Il CBD sembra reindirizzare quei percorsi neurali. “

Constance Finley: “Gli studi hanno dimostrato che il CBD ha un effetto positivo sull’infiammazione, il dolore, l’ansia, la psicosi e gli spasmi, ma va notato che la maggior parte di queste applicazioni non è trattata solo con il solo CBD e infatti richiede un certo livello di THC , il cui ruolo come composto fitoterapico è già stato stabilito nei confronti di molte delle stesse condizioni. Il CBD agisce su diversi recettori rispetto al THC nel corpo.

Perry Solomon: “È stato scoperto che il CBD da solo può causare una sensazione di calma, rilassamento. Gli altri effetti medicinali del CBD derivano da percorsi completamente separati, come il recettore cannabinoide 2 (CB 2 ), i recettori oppioidi mu e delta. Preso da solo, il CBD ha effetti sedativi, antiossidanti, anti-ansia e antidepressivi sul cervello, ma non crea un livello apertamente psicoattivo come il THC. E’ stato anche dimostrato di avere l’espressione genica del cambiamento e rimuovere la placca beta amiloide, il segno distintivo dell’Alzheimer, dalle cellule cerebrali. “

In che modo questi effetti vengono aumentati o alterati da altri composti?

Peters: “Abbastanza significativamente. Il CBD essendo basato sulla cannabis è la cosa più cruciale per queste proprietà. L’intervallo del volume di THC in relazione al CBD presenterà proprietà diverseUna quantità uguale di THC in CBD [ad esempio] è spesso il miglior antidolorifico. Molti terpeni hanno relazioni [e] il fatto che tali relazioni esistano sta diventando sempre più chiaro. “

Eloise Theisen: “CBD e THC sembrano funzionare meglio insieme. Riducono gli effetti collaterali reciproci. “

Salomone: “Il THC sembra potenziare tutti gli effetti del CBD e, al contrario, il CBD influisce sul THC. Il dott. Ethan Russo supporta ulteriormente questa teoria dimostrando che i componenti vegetali non cannabinoidi come i terpeni fungono da inibitori degli effetti “high” del THC, aumentando così l’indice terapeutico del THC. Questo ‘sinergismo fitocannabinoide-terpenoide’, come lo chiama Russo, aumenta il potenziale degli estratti medicinali a base di cannabis per trattare dolore, infiammazione, infezioni fungine e batteriche, depressione, ansia, dipendenza, epilessia e persino cancro … I terpeni agiscono sui recettori e neurotrasmettitori; sono inclini a combinarsi o dissolversi in lipidi o grassi; agiscono come inibitori dell’assorbimento della serotonina (simili agli antidepressivi come il Prozac); potenziano l’attività della norepinefrina (simile agli antidepressivi triciclici come Elavil); aumentano l’attività della dopamina; e aumentano il GABA (il neurotrasmettitore “downer” che neutralizza il glutammato, il “superiore”). Tuttavia, è necessaria una ricerca più specifica. “

Mathre: “Il CBD ha valore, ma il suo valore può essere migliorato con l’intero impianto e possiamo sviluppare una medicina più individualizzata (rapporti specifici a seconda della persona e del bisogno).”

Quanto più efficace diresti che la medicina dell’intera pianta sia solo del CBD?

Peters: “Radicalmente. Neanche vicino. È come se tu lavorassi con sostanze diverse. “

Solomon : “Penso che qualsiasi medicina vegetale sia più efficace di qualsiasi altro prodotto di solo CBD.”

Theisen: “La medicina delle piante intere è l’unica strada da percorrere.”

Mathre: “Più sicura e più efficace, e la tolleranza si svilupperà più lentamente (se non svanirà del tutto).”

Finley: “In quasi tutti i casi … direi che le terapie integrali sono al 100% più efficaci del solo CBD”.

Pensieri e approfondimenti?

Finley: “Credo che tutti dovrebbero avere accesso a tutti i tipi di opzioni di trattamento che potrebbero potenzialmente beneficiarli, e le persone devono essere consapevoli che non tutta la cannabis è stata creata uguale. Il CBD della canapa non ha le proprietà medicinali che possiede il CBD della cannabis, ed è francamente un prodotto inferiore. “

Mathre: “Abbiamo avvocati e politici che praticano la medicina senza patente – non sanno di cosa stanno parlando. Chiaramente ci possono essere alcuni pazienti che hanno bisogno di poco o nessun THC, ma la stragrande maggioranza ne beneficerà. I pazienti dovrebbero avere tutte le opzioni a loro disposizione e la ricerca deve continuare a contribuire a determinare come meglio individuare la medicina della cannabis “.

Peters: “È così straordinariamente problematico che mi sembra criminale … Il muro della burocrazia si scontra con il muro della scienza”.

 

Approfondimento:  Studio: Cannabinoidi dopo evento traumatico possono prevenire sintomi di PTSD

Note: se si diffondono queste traduzioni, si prega gentilmente di menzionare la fonte della traduzione stessa.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 545 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT