UNGASS 2016: L’intervento del Ministro Orlando

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dichiarazione del Ministro italiano della Giustizia e capo delegazione, l’On. Andrea Orlando, alla sessione plenaria dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite sul problema mondiale della droga (UNGASS 2016) —

Grazie Signor Presidente, Eccellenze, Signore e Signori,

Allineando noi stessi con la dichiarazione da parte dell’Unione Europea, vorremmo anche fare alcune osservazioni a titolo nazionale.

Affrontare il problema mondiale della droga è una delle grandi sfide globali del nostro tempo.Dall’entrata in vigore delle convenzioni di droga e l’adozione della dichiarazione politica nel 2009, abbiamo acquisito esperienza e nuove sfide sono emerse. Abbiamo quindi bisogno di regolare le nostre politiche nazionali e internazionali, il rafforzamento di progetti che hanno dimostrato di essere efficaci e modificando quelli che non hanno, anche alla luce degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Questo UNGASS tratta di un’occasione unica per sensibilizzare l’obiettivo finale delle convenzioni di droga: la salute e il benessere del genere umano. Dobbiamo fare il miglior uso di flessibilità delle Convenzioni ‘in modo da metterle in atto in maniera più equilibrata, umana ed efficace, assicurando che le nostre politiche sulle droghe rispettino pienamente i diritti umani e sono veramente orientati alla salute.

La comunità internazionale deve riconoscere pienamente l’uso della droga come un problema di salute e la tossicodipendenza come un disturbo di salute multifattoriale cronico e curabile che dovrebbe essere trattato, non puniti. Il nostro approccio deve essere pragmatico piuttosto che ideologico: un approccio orientato ai risultati, che incoraggia gli Stati a promuovere politiche pubbliche motivati ​​dal criterio di efficacia piuttosto che demagogia.

La persona umana deve essere al centro delle politiche sulle droghe nazionali. Dobbiamo garantire l’accesso a tutta la gamma di misure, tra cui la prevenzione, il trattamento, il rischio e la riduzione del danno, la riabilitazione, il recupero e il reinserimento sociale, con particolare attenzione alle donne, i giovani, i gruppi vulnerabili e le popolazioni meno abbienti, anche nelle carceri.

La prevenzione è un investimento fondamentale per la società nel suo complesso, e le famiglie e le scuole svolgono un ruolo cruciale in questo senso. HIV / AIDS è ancora un problema enorme tra le persone che usano e si iniettano droghe: rischio e di riduzione del danno approcci hanno dimostrato di essere efficaci.

Circa tre quarti della popolazione mondiale non ha accesso a un adeguato trattamento del dolore: questa è una delle principali carenze del sistema di controllo internazionale della droga, e deve essere affrontato con urgenza.

Dobbiamo fare in modo che i sistemi di giustizia penale nazionali riflettono pienamente il principio di proporzionalità sancito nelle convenzioni. La legge italiana prevede un elenco di alternative alla detenzione per i casi minori e garantisce l’accesso ai servizi sanitari, anche in carcere. Italia depenalizzato l’uso di farmaci per il consumo personale, molti anni fa. Nel gennaio 2016 abbiamo anche depenalizzato alcune violazioni relative alla coltivazione di cannabis per scopi medici.

Siamo impegnati nel contrastare il traffico di droga e le sue molteplici link ad altri reati gravi, compresa la corruzione e il terrorismo. Incoraggiamo tutti gli Stati membri a promuovere ulteriormente l’utilizzo degli strumenti previsti dalla Convenzione del 1988 e dalla Convenzione di Palermo contro la criminalità organizzata transnazionale e dei suoi protocolli di rafforzare la cooperazione giudiziaria e di polizia internazionale.

L’attuazione dell’Agenda 2030 richiede nuovi sforzi per affrontare le radici socio-economiche del problema mondiale della droga, in stretta collaborazione con tutte le parti interessate.Forte cooperazione con la comunità scientifica, la società civile e il settore privato è fondamentale per la formulazione, l’attuazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche sulle droghe. Invitiamo tutte le organizzazioni internazionali competenti, tra cui la FAO e l’IFAD, di intensificare la loro cooperazione con la Commissione sugli stupefacenti.

L’Italia si oppone fermamente l’uso della pena di morte in tutte le circostanze, tra cui crimini legati alla droga, e ci spiace che gli Stati membri non sono riusciti a risolvere questo problema cruciale nel documento finale. Esortiamo tutti i paesi che ancora hanno la pena di morte per crimini di adottare una moratoria immediata, come primo passo verso la sua abolizione definitiva.

Grazie al signor Presidente.

 

Fonte: ItalyUn.esteri

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 71 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti