Tricoma della Cannabis visto al microscopio 150X

Uno Studio espone l’azione della cannabis sulla malattia infiammatoria intestinale (IBD)

133 Condivisioni

Finalmente possiamo sapere perché la cannabis aiuta molte persone con problemi intestinali cronici come la malattia infiammatoria intestinale (IBD)

Come pubblicato da Popular Science,  un nuovo studio di ricercatori dell’Università del Massachusetts e dell’Università di Bath è stato il primo a dimostrare il processo fisico con cui la cannabis colpisce la malattia infiammatoria intestinale ( IBD) , aprendo la possibilità di creare nuove strategie per questi disturbi cronici.

Fino ad ora nessuno sapeva esattamente come i cannabinoidi avessero un effetto antinfiammatorio sull’intestino irritato prima di questo studio.

Nell’intestino, un sottile strato di cellule epiteliali media tra i nostri corpi e lo “zoo” microbico che vive all’interno. 

Beth McCormick dell’Università del Massachusetts ha studiato il ruolo di queste cellule nella regolazione del microbioma intestinale da oltre un decennio, e il punto di partenza per questa attuale ricerca è stata la sua precedente scoperta di un percorso chimico mediante il quale le cellule epiteliali aiutano i neutrofili, un tipo di globuli bianchi, ad attraversare l’intestino ed a mangiare alcuni dei microbi. 

Ma quella era chiaramente solo la metà della risposta. 

Al fine di produrre equilibrio, qualcos’altro doveva impedire a molti neutrofili di entrare e uccidere i microbi pacifici e persino l’intestino, portando a IBD.

Nel nuovo studio pubblicato pochi giorni fa sul  Journal of Clinical Investigation  , si evidenzia un percorso chimico produce sostanze che impediscono ai neutrofili di passare attraverso le cellule epiteliali nell’intestino. 

E si scopre che queste sostanze, almeno nei topi, sono endocannabinoidi. 

Queste sostanze grasse si legano agli stessi recettori chimici dei cannabinoidi presenti nella cannabis. 

I pazienti che non avevano questa via secondaria “avevano maggiori probabilità di sviluppare una colite ulcerosa”, afferma McCormick.

Anche se la ricerca è nei topi, aiuta a spiegare perché i cannabinoidi sembrano fornire sollievo alle persone con malattia infiammatoria intestinale (IBD), dal momento che svolgono la stessa funzione degli endocannabinoidi che il corpo produce. 

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche, McCormick afferma che apre la possibilità di creare nuovi trattamenti per l’IBD che funzionano nel nuovo percorso, come forse gli agenti terapeutici estratti dalla cannabis.

Richard Peek, un gastroenterologo presso la Vanderbilt University, afferma che le scoperte di McCormick “potrebbero non essere specifiche solo per l’intestino”. 

Le cellule epiteliali si trovano sulla superficie degli organi in tutto il corpo, quindi questo meccanismo d’azione può esistere anche in altri sistemi. Ciò cambierebbe anche la nostra comprensione delle risposte autoimmuni in altre parti del corpo.

Questa è una buona notizia per i milioni di persone che soffrono di IBD. 

Richard Peek pensa che questa scoperta apra nuove possibilità per la legalizzazione della cannabis ad uso medico. 

Per McCormick, il suo “approccio imparziale” era la chiave per trovare questo risultato: non cercavano di spiegare il meccanismo d’azione della cannabis, semplicemente lo trovavano in modo evidente. 

“A volte, come si dice sul campo, lo scoiattolo cieco trova il pazzo”, conclude Beth McCormick.

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Approfondimento:  Cannabis utile nella prevenzione dell'epilessia

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

(Visited 337 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  20 Studi analizzano l’azione della Cannabis contro il Cancro
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT