USA – Il Procuratore Generale tranquillizza i Senatori: Ciascun Stato deciderà sulla Cannabis Legale

L’amministrazione Trump ha provocato paranoia in gran parte dei sostenitori della cannabis per via dei commenti su una campagna contro l’uso ricreativo a livello federale. Tuttavia il procuratore generale Jeff Sessions ha detto in privato ad alcuni senatori repubblicani che si non si discosteranno dalla politica dell’amministrazione Obama in modo da consentire agli stati membri di applicare le proprie leggi sulla marijuana.

Sessions ha scosso sia libertari e liberali per una possibile revisione della politica di non intervento di cannabis sotto il presidente Barack Obama . Sessions però ha fornito alcune dichiarazioni in cui garantisce ai senatori che essa non stavano prendendo in considerazione un cambiamento importante nella politica sulla cannabis, nonostante la sua personale opposizione all’ uso di marijuana.

Mi ha detto che rispetteranno il diritto degli Stati in queste cose. E se non è così mi sarà molto infelice se il governo federale decidesse di andare in Colorado, Washington e tutti questi luoghi ed imporre politiche. Questa non è l’impressione che mi ha dato la mia conversazione con lui. Non era la sua intenzione , “ ha detto il senatore Rand Paul (R-Ky.). In un’intervista.

E dal momento che ha confermato, il senatore Cory Gardner (R-Colorado), ha detto: “Qui niente è cambiato , ” ha detto Gardner.

Tuttavia un folto gruppo di senatori di entrambi i partiti non vogliono correre rischi.

Hanno inviato una lettera Giovedi sollecitando il procuratore generale a mantenere la politica di Obama di consentire ai membri di applicare le sue leggi sulla marijuana ricreativa.

Lo sforzo è guidato da Sens. Elizabeth Warren (D-Mass.) E Lisa Murkowski (R-Alaska), che provengono da stati che hanno legalizzato la marijuana. L’Addetto stampa Sean Spicer ha fatto riferimento a “una maggiore conformità” delle leggi federali che trattano la marijuana come una droga illegale. Sessions ha detto questa settimana che aveva ” dubbi circa la marijuana” e stava rivedendo l’attuale politica.

I Senatori hanno cosi risposto:

” Noi rispettosamente sosteniamo l’attuale politica del Dipartimento di giustizia per quanto riguarda i membri che hanno applicato i regolamenti forti ed efficaci per uso ricreativo”, hanno scritto i senatori a Sessions. ” E’ essenziale che gli Stati continuino ad applicare le leggi.”

Inoltre, il senatore Dean Heller ha rivelato che ha discusso separatamente dalla politica sulla marijuana durante il processo di nomina.

Heller ha inoltre esortato Sessions a mantenere l’attuale politica.

“Bisogna riconoscere e rispettare la volontà dei residenti del Nevada”, Heller ha scritto la settimana scorsa.

La preoccupazione, però, non è solo tra i senatori degli Stati che hanno legalizzato la marijuana.

E’ un problema anche per i conservatori che sono preoccupati che il GOP permetta selettivamente i diritti degli stati che hanno la priorità sulle leggi federali.

“Siamo preoccupati per alcuni dei termini che stiamo ascoltando. E penso che i conservatori siano per i diritti degli Stati e devono credere in questo. , “

Gardner, il cui stato di casa è stato un pioniere nella legalizzazione della cannabis, è stato meno allarmato dalle dichiarazioni di Sessions e Spicer.

” Non ho ancora sentito dire da Jeff Sessions  che”farà un grande cambiamento nella politica” Gardner ha detto.

” Io non sono assolutamente un fan dell’espansione dell’uso di marijuana,” Sessions ha detto ai giornalisti la settimana scorsa.  “Gli stati possono approvare leggi di loro scelta. Voglio solo dire che quello che fanno è ancora una violazione della legge federale per la distribuzione della marijuana attraverso gli Stati Uniti, come ad esempio ad uno stato in cui non è legale “.

In un’intervista, Murkowski ha detto che ancora non è stato messo in allarme, ma sta guardando il Dipartimento di Giustizia. “E’ comunque probabilmente un po’ prematuro prevedere ciò che può o non può essere fatto dall’amministrazione su questo tema, quindi penso che si debba solo sedersi e guardare “ .

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 80 times, 1 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT