Uso ricreativo non esiste: tutto il consumo di cannabis è terapia.

Tutto il consumo di cannabis è Medicinale.
Anche se l’utente viene identificato, erroneamente come, ‘ricreativo.’

Tutto l’uso di cannabis è per scopi medicinali, anche per coloro che utilizzano la pianta per motivi ricreazionali, tutto secondo un recente rapporto.

In America, la percezione del “farmaco-cannabis” sia per uso medicinali che ricreativo sono costantemente cambiati nel corso degli ultimi anni.
Già nel 2012, in Colorado è diventato il primo stato a depenalizzare il possesso e l’uso del farmaco-cannabis.
Da allora, la tendenza si è continuata a diffondersi in tutto il paese.

Use Cannabis1L’uso di cannabis medica è ora legale in 23 stati, e altri Stati sono tenuti a seguire l’esempio molto presto. molte evidenze scientifiche sono a supporto dei benefici medici dell’uso di marijuana; il National Cancer Institute (NCI), ad agosto, ha confermato che la cannabis uccide le cellule tumorali ed ha probabilmente contribuito a un cambiamento di mentalità degli americani nei confronti del farmaco-cannabis.

Secondo alcuni sondaggi, la maggioranza degli americani supporta la regolamentazione della cannabis, particolarmente per uso medicinale.
Tuttavia, coloro che devono ancora essere influenzati dalle evidenze scientifiche e quindi dal cambiamento dell’ opinione pubblica, continuano a farne una ferma posizione nella lotta contro la droga.

Daniel Macris, proprietario di Halycon Organics, spiega:

“” L’uso di cannabis ricreativo “è la frase più dannosa che la nostra industria deve affrontare oggi.”
Oltre metà della popolazione usa supporta l’uso ricreativo della cannabis. sfortunatamente quelli che non supportano l’uso ricreativo, si oppongono ad esso decisamente. L’uso ricrativo è esattamente quello che l’opposizione vuole combattere.

Il rovescio della medaglia di questo è che oltre l’80% degli americani sostiene il consumo di cannabis medica e oltre l’85% la libertà di supporto alle decisioni di assistenza sanitaria. Tutte queste statistiche sono trend verso l’alto.

Nel Sud, “l’uso di cannabis ricreativo” non è partito e, chiaramente, è un dibattito che non può essere vinto empiricamente. D’altra parte, “l’uso di cannabis medica” è un dibattito vincente e non abbiamo bisogno di manipolare il nostro “messaggio” per cambiare il dibattito, abbiamo bisogno solo di identificare correttamente l’uso medicinale.’ ”
Questo argomento sta diventando rafforzato dalla nostra maggiore comprensione del sistema endocannabinoide; studi scientifici emergenti riguardo i cannabinoidi hanno rilevato che un sistema cannabinoide funzionale è essenziale per la nostra salute.

Nel 2006, il National Institutes of Health ha riferito:

“La recente identificazione dei recettori dei cannabinoidi e dei loro ligandi endogeni dei lipidi ha innescato una crescita esponenziale di studi che esplorano il sistema endocannabinoide e le sue funzioni normative in materia di salute e di malattia …

Nell’ultimo decennio, il sistema endocannabinoide è stato riconosciuto complice in un numero crescente di funzioni fisiologiche, sia nel sistema nervoso centrale e periferico e negli organi periferici. Ancora più importante, modulando l’attività del sistema endocannabinoide son stati rivelati promettenti usi terapeutici in una vasta gamma di malattie disparate e condizioni patologiche, che vanno da disturbi dell’umore e ansia, a disturbi del movimento come Parkinson e la malattia di Huntington, dolore neuropatico, la sclerosi multipla e lesioni del midollo, al cancro, arteriosclerosi, infarto miocardico, ictus, ipertensione, il glaucoma, l’obesità / sindrome metabolica, e l’osteoporosi, per citarne solo alcuni. ”

Come abbiamo riportato in numerose occasioni, gli studi sono a sostegno dell’uso medico della marijuana (centro di modulazione delle attività del sistema endocannabinoide) in particolare per il cancro, l’epilessia, l’HIV / AIDS e il glaucoma , come descritto dal National Institutes of Health.

La cannabis è stata usata come una medicina da numerose culture in tutto il mondo per migliaia di anni; tuttavia, fino a poco tempo fa e con l’aiuto della moderna tecnologia, i meccanismi che stanno alla base della cannabis come medicinale rimangono virtualmente ancora un mistero.

use cannabis2La scienza ci ha permesso di fare alcune cose straordinarie con questa pianta, per esempio estraendo componenti non psicoattivi della cannabis, come il cannabidiolo, siamo in grado di trattare con successo condizioni come le crisi epilettiche debilitanti.

Inoltre, siamo anche in grado di scoprire quali fitocannabinoidi sono più vantaggiosi per certi tipi di malattie e quali per altri tipi di malattie e siamo anche in grado di determinare esattamente quanto estratto è necessario.

Col passare del tempo, sempre più studi stanno sostenendo le richieste di coloro che utilizzano la cannabis sia come un sollievo da determinate condizioni di depressione, insonnia, ansia essendo tra loro, o per stimolare la creatività.

Quando Macris ha intervistato un certo numero di consumatori di cannabis ha scoperto che ognuno di loro la stava usando per il trattamento di condizioni che sarebbero, altrimenti, state trattate con farmaci.

“Mi fa rilassare”, “Mi aiuta il sonno”, “E mi calma”, “Mi aiuta a pensare,” “Aiuta il mio stomaco a calmarsi,” e “Mi aiuta a parlare con la gente,” sono solo alcuni dei modi in cui le persone hanno detto come la cannabis li possa aiutare.

Purtroppo, a causa delle loro grandi dimensioni, del potere e dell’influenza, in particolare su funzionari di governo e quelle all’interno delle aziende del settore medico-farmaceutiche,  le Aziende farmaceutiche ci stanno bombardando di pubblicità di pillole fabbricate che presumibilmente alleviano i sintomi di queste stesse condizioni.
All’inizio di questo mese, abbiamo riportato uno studio che ha evidenziato gli effetti nocivi degli antidepressivi e di altri farmaci ma non sono stati segnalati nel settore medico; di conseguenza, i consumatori di questi farmaci non vengono informati dei veri pericoli correlati pur prescrivendoli regolarmente.

Questo pone quindi la domanda: Perché usare la prescrizione di farmaci pericolosi che sono stati spinti su di noi da grandi realtà farmaceutiche, quando c’è un’alternativa molto più sicura e naturale?

Beh, in realtà, molti di noi stanno scegliendo la cannabis su prescrizione per il trattamento delle nostre condizioni.
Secondo Macris, molti di noi stanno trattando svariate condizioni con la cannabis senza nemmeno rendersene conto.

“I Consumatori di cannabis la utilizzano per scopi medici, solo che non se ne rendono conto”, dice Macris.

Secondo Macris, gli “usi ricreativi” dovrebbero invece riferirsi a sè stessi come “usi terapeutici”, questa visione sarebbe molto più efficace nella spinta verso la completa depenalizzazione della cannabis.
Il termine “utente ricreazione” suggerisce che la cannabis può essere oggetto di abusi allo stesso livello come l’alcool o di altre droghe, che, come accennato in precedenza, supportano solo le richieste di coloro che si collocano nettamente contro l’uso di cannabis.
Tuttavia, come anche notato, dato che il governo può tassare di più l’utilizzo “ricreativo” che quello medicinale è probabile che ci si opponi a questi risultati.

Fonte: Healthy Nutrition

(Visited 4.117 times, 2 visits today)

Commenti

LEAVE A COMMENT