Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Utilizzare Cannabis è un Diritto dell’Uomo?

Trovi interessante questa notizia?
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La settimana scorsa, appena un giorno dopo che gli elettori in Ohio hanno respinto un emendamento costituzionale per legalizzare l’uso ricreativo e medico della cannabis, la Corte Suprema del Messico si è espressa in una direzione diversa: i migliori giudici del paese hanno concluso che le leggi nazionali che rendono illegale produrre personalmente, possedere e consumare cannabis, hanno violato i diritti personali dei cittadini messicani.

La sentenza ha ricevuto una notevole attenzione, ma la logica che c’è dietro molta meno.

La decisione dell’Alta Corte si è basata non sugli effetti della cannabis sulla salute pubblica o sull’impatto sui tassi di incarcerazione, ma in materia di diritti umani fondamentali.

E su questa tematica si va a creare un precedente di impostazione a livello globale.

Questo caso particolare è stato portato da quattro membri della Società messicana per un consumo responsabile e tollerante (o SMART, in spagnolo). Il primo gruppo ha presentato una petizione legale chiedendo il diritto di crescere, possedere e usare cannabis nel 2013, una petizione che è stata inizialmente negata, ma che ha poi fatto appello alla Corte Suprema.

SMART è stato in parte spinto da un desiderio di ridurre la dilagante violenza legata allo spaccio in Messico, secondo il Wall Street Journal; come Armando Santacruz, uno dei querelanti, ha dichiarato al giornale, “Non siamo solo un gruppo di persone che usano sostanze, alcuni neanche ne fanno uso.”

Argomenti per la legalizzazione della cannabis spesso hanno una componente di giustizia penale.

Alcuni sostenitori a livello giuridico sostengono che le misure di incarcerazione siano inutili o eccessive per chi viola la legge sulla cannabis; il vice direttore della National Organization con sede a Washington, per la Riforma delle Leggi sulla Marijuana, ha indicato nella US News & World Report del 2012 che forze dell’ordine statunitensi avevano fatto oltre 22 milioni di arresti per le violazioni di marijuana dal 1965. Il direttore delle politiche sulla droga all’ American Civil Liberties Union ha scritto nella stessa pubblicazione che il mercato della marijuana statunitense rifornisce cartelli della droga messicani, con circa $ 1500000000 all’anno. Questi argomenti risuonano al di là degli Stati Uniti; Il presidente uruguaiano José Mujica, che ha sostenuto la legalizzazione nel suo paese nel 2013, ha citato l’importanza del limitare i trafficanti di droga e togliere loro potere. Altri sottolineano l’inconsistenza di vietarne l’uso, consentendo alcol e tabacco, nonostante i secondi portino rischi per la salute maggiori rispetto alla cannabis. Altri ancora fanno riferimento ai ricavi che la regolamentazione del mercato della cannabis potrebbe portare ai governi.

SMART ha deciso di prendere una strada diversa, secondo Andres Aguinaco, uno degli avvocati del gruppo.

Nel mese di ottobre, Aguinaco ha detto a Fusion che la strategia di SMART era “diversa dal dibattito sulla legalizzazione globale [in Messico], che si concentra sui pedaggi e le sparizioni di morte e sulla guerra alla droga.” Invece, “stiamo sostenendo che il governo stia violando la dottrina costituzionale del libero sviluppo della personalità “.
Questo argomento si è concretizzato in un documento del tribunale pubblicato nel sito web di SMART, in cui il gruppo cita il caso che l’utilizzo di cannabis sia solo un modo per le persone di differenziarsi dal resto della società, e che dal momento che la costituzione messicana protegge il diritto dell’individuo di essere unico e indipendente, lo Stato non può ledere tale diritto, anche quando le conseguenze del consumo di cannabis siano esse positive o negative, comunque riguardano solo l’individuo, che sceglie di utilizzare la sostanza. “L’imposizione di un unico standard di vita sano non è ammissibile in uno stato liberale, che fonda la sua esistenza sul riconoscimento della unicità umana e l’indipendenza”, hanno sostenuto i querelanti.

Evidentemente, questo argomento è stato in definitiva convincente; il Ministro della Giustizia Olga Sanchez, votando a favore della sentenza, ha detto, “Questo tribunale ha riconosciuto la portata della libertà personale”.

Tuttavia, la decisione della Corte Suprema non legalizza la cannabis in tutto il Messico.

Niente di più falso: La sentenza si applica solo ai quattro querelanti, che sono ora, incredibilmente, le uniche persone in un paese di 125 milioni che possono legalmente ottenere coltivare ed utilizzare cannabis. Al fine che la cannabis diventi realmente legale, la Corte Suprema dovrà adottare decisioni analoghe almeno altre quattro volte di più, lo stesso procedimento mediante il quale il matrimonio omosessuale è stato legalizzato in Messico all’inizio di quest’anno, secondo il Washington Post. Ovviamente il legislatore nazionale potrebbe anche legalizzare la cannabis da sé, se volesse scegliere questa via.

“E ‘una cosa se l’Uruguay decide di legalizzare la marijuana; è un altro quando il Messico o la Colombia si alza e dice: ‘Abbiamo provato di tutto.’ ”
L’argomento portato da SMART per desanzionare l’uso di cannabis non è comunque del tutto senza precedenti.

In diversi casi, al possesso di cannabis in Canada hanno invocato il linguaggio dei diritti umani, secondo Hannah Hetzer, che si concentra sulle Americhe presso la Drug Policy Alliance, un’organizzazione no-profit con sede a New York che si oppone alla “guerra alla droga” degli Usa.

Un caso del 1994 alla Corte Costituzionale della Colombia ha anch’esso sfruttato la lingua del “libero sviluppo della personalità” nel sostenere la tesi contro la criminalizzazione del consumo della cannabis. Ma, per la maggior parte, Hetzer ha detto, “i diritti umani o la libertà hanno costituito parte dell’argomento, non la base per l’intera discussione, quindi questo caso [in Messico] è piuttosto insolito.”

Questo può significare che l’argomento potrebbe guadagnare trazione fuori del Messico?

Il diritto al “libero sviluppo della personalità” figura all’articolo 22 della Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Secondo Daniel Lansberg-Rodriguez, un ricercatore presso il Comparative Costitution Project e un collaboratore dell’Atlantic, i paesi delle Americhe che incorporano la dichiarazione delle Nazioni Unite nelle loro costituzioni sono il Belize, Bolivia, Nicaragua e Perù.

Gli Stati Uniti non hanno nessuna di tali disposizioni.

Nonostante questo Lansberg-Rodriguez ha aggiunto che qualsiasi movimento per legalizzare la cannabis altrove in America Latina avrebbe più probabilità di trovare una via legislativa o la stesura di una nuova costituzione rispetto che una decisione come quella della Suprema Corte del Messico. A differenza infatti, in questo caso, della Costituzione degli Stati Uniti, i codici di diritto civile che predominano nella regione non si prestano ad interpretazioni giudiziarie, ha affermato.

Hetzer ritiene tuttavia che la sentenza messicano è “simbolicamente monumentale … perché si è affermata sulla base dei diritti umani e perché è venuta dal Messico, che ha una certa legittimità quando sta parlando di politica delle droghe.”

“E’ una cosa se l’Uruguay decide di legalizzare la cannabis, dove non sono così influenzati dal traffico di droga e il traffico di droga non è cosi presente; è un altra cosa quando il Messico o la Colombia si alzano e dicono: ‘Abbiamo provato di tutto. Questo approccio non ha funzionato, così ora stiamo andando a cercare metodi alternativi ‘”, ha sostenuto infine Hetzer.

Hetzer ha aggiunto che, solo in America Latina, le iniziative volte a riformare le leggi sulla cannabis sono in discussione in Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, e in Messico. Dato che il nuovo primo ministro del Canada, Justin Trudeau, si è impegnato a legalizzare la cannabis, e che legalizzare è sulla scheda elettorale del 2016 in Arizona, California, Maine, Massachusetts, e Nevada, si potrebbe dire che la riforma è all’ordine del giorno per tutti gli Usa, mentre l’Italia e L’Europa restano ancorate a leggi ormai antiquate ed inefficaci.

 

FONTE: The Atlantic

Stefano Auditore
Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio, il 12/02/1986

(Visited 245 times, 1 visits today)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Commenti

LEAVE A COMMENT

Vai alla barra degli strumenti