Alcune Università Canadesi permetteranno di usare Cannabis agli Studenti

117 Condivisioni

Articolo di 

“Ma tutti sanno che fumare” non è permesso a scuola. “- Stazione di Brownsville

Andare al college, per la maggior parte delle giovani menti in erba, significa trovare posto nel mondo e ottenere l’istruzione necessaria per diventare una parte vitale della società civile, che superi enormemente i ranghi scolastici dei deficienti predecessori. Realizzare questo obiettivo, tuttavia, richiede convinzione, un’enorme quantità di attenzione e, a seconda degli interessi extracurricolari dello studente e della disposizione verso le sostanze inebrianti, abbastanza marijuana da strappare la mente per soffocare un cavallo da corsa innato.

Seriamente, non li chiamano istituti di istruzione superiore per niente. Il college è dove la maggior parte della gente va a fare le prime esperienze con l’erba – il tutto – il buono, il cattivo e l’inspiegabile. Questi sono i momenti che cambiano la vita che possono aiutare a plasmare le loro prospettive brillanti di questo mondo selvaggio e, auspicabilmente, aiutare a sputare individui semi-intelligenti, a tutto tondo.

Ma tutto dipende da come questi novizi del limbo prendono gli effetti della marijuana. A volte questi incontri per la prima volta possono significare la differenza tra liberare un altro Trump-humper ultraconservatore in questo universo vorticoso o arredare l’umanità con una persona liberale, libera di mente, desiderosa di provare qualcosa, una volta sola, che aiuta a inaugurare una nuova classe di compassione e accettazione. La cannabis può fornire ai suoi utilizzatori molti livelli di illuminazione – Oh sì, certamente può. 

Tuttavia il Canada, che è pronto a lanciare il suo mercato della marijuana ricreativa in ottobre, ha recentemente avuto l’opportunità unica di rendere il pianeta un posto migliore. Tutto ciò che doveva fare era dare agli studenti universitari il permesso di fumare erba liberamente nei suoi campus e gli dei cosmici avrebbero premiato le generazioni a venire con una popolazione più gentile, più felice e più sessualmente evoluta che mai. Ma non succederà. Si scopre che fumare erba non sarà più accettato dal mondo accademico nei prossimi mesi rispetto ai giorni in cui fu bloccata dal divieto. Bene, forse un po’ meglio, diciamo.

La nuova legge sulla cannabis, che dà agli adulti di 19 anni la libertà di acquistare marijuana in maniera simile all’alcol, dovrebbe aver magicamente trasformato i college in tutto il Canada in vasche visionarie che assomigliano alla scena del film ‘Animal House’ del 1978, in cui la La studentessa inizia a parlare con la professoressa Jennings della possibilità che il nostro sistema solare sia un piccolo atomo sotto l’unghia di un gigante e come, se la sua teoria è vera, ciò significa che tutti noi potremmo avere un piccolo universo che vive sulla punta delle dita . #sbalordito.

Ma no, alcune università si rifiutano di dare il giusto rispetto alla cannabis. 

Diverse strutture educative stanno pianificando di imporre severi divieti al fumo di marijuana e al consumo di cibo. Altri prevedono di limitare le restrizioni sulla cannabis a forme affumicabili. Speriamo solo che tu sia iscritto a qualcuno di questi.

Don O’Leary, vicepresidente dell’Università di Guelph, ha dichiarato a  CTV News  che fumare cannabis sarebbe proibito. Tuttavia, ammette che gli edibli di cannabis saranno tollerati in una certa misura. Gli studenti di Guelph possono bere alcolici nelle loro residenze, purché non invadano nessun luogo pubblico, comprese le aree di lavoro, con i loro imbrogli da ubriachi. Questo tipo di restrizioni si applicherà, per la maggior parte, ai prodotti a base di marijuana.

I college in altre parti del Canada seguiranno una politica simile. La Queen’s University di Kingston sta anche vietando agli studenti (e al personale) di fumare marijuana nel campus, ma gli amministratori dicono che probabilmente permetteranno il consumo di prodotti commestibili in alcune aree. Queste sono le parti del paese in cui le bevande di cannabis  sono destinate ad essere un grande successo.

Tuttavia, non tutte le università si stanno muovendo sul nascere della legge.

La McGill University in Quebec ha in programma di vietare tutte le forme di consumo di marijuana nel campus. “Edibles, drinkables, ecc.” non saranno consentiti, secondo i funzionari scolastici, e chiunque sia in possesso di questi prodotti sarà soggetto ad azioni disciplinari. Wow! Le nostre più sentite condoglianze vanno agli studenti iscritti qui per il semestre. 

Tuttavia, in Alberta, British Columbia e Nuova Scozia, dove le leggi sono meno restrittive per quanto riguarda il fumo, le università potrebbero essere un po’ più aperte alla frenesia dei reefer dei loro corpi studenteschi. Alcune scuole stanno prendendo in considerazione la possibilità di limitare il consumo di forme fumabili in aree designate, come nel caso del tabacco. Altre strutture possono consentire agli studenti di fumare, ma probabilmente non daranno loro il permesso di usare edibles.

Alcune università non hanno alcuna intenzione di fare cambiamenti politici, quando il Canada inizierà a vendere marijuana alla fine di quest’anno. La Memorial University di St. John’s, Terranova e Labrador dice che non solo metterà al bando il consumo di marijuana, in tutte le sue forme, ma continuerà anche a gestire i reati attraverso le forze dell’ordine.

Naturalmente, purché gli studenti mantengano i limiti di possesso sotto controllo (30 grammi o meno) e non vendano ai minori (sappiamo che il college è costoso, ma per favore non distribuite erba ai bambini delle scuole superiori), la polizia canadese non avrà alcuna motivazione per appagare quei decani che si fanno beffe della rivoluzione.

Mike Adams è uno scrittore contribuente per Forbes, Cannabis Now e BroBible. Il suo lavoro è apparso anche in High Times. Seguilo su  Facebook ,  Twitter  e  Instagram .

(Visited 96 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Malta verso una ulteriore depenalizzazione della coltivazione ad uso personale
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT