Analisi del Washington Post: Con la legalizzazione canadese sono aumentate le possibilità di lavoro

66 Condivisioni

TORONTO – Per sei anni, Dan Skilleter ha lavorato come consulente politico nel governo provinciale dell’Ontario. Ma quest’anno ha rinunciato al suo tanto ambito lavoro governativo per un nuovo ruolo in un’industria incerta e in rapido movimento: la cannabis.

È entrato a far parte di Lobo Genetics, una start-up con sede a Toronto che mette alla prova i marcatori genetici nella saliva di una persona per prevedere come reagirà il corpo di quella persona alla marijuana, come direttore della politica e delle comunicazioni.

 “Non posso passare una settimana senza che un amico mi mandi un’email per cercare lavoro nello spazio della cannabis”, ha detto. “Devo trovare costantemente il tempo nella mia pausa caffè per le persone”.

Skilleter non è solo. Dal momento che il Canada è diventato il secondo paese al mondo a legalizzare l’uso di marijuana ricreativa il 17 ottobre, la sua nascente azienda e le industrie cannabiche vicine hanno preso i migliori talenti dai settori più tradizionali dell’economia.

Gli analisti dicono che il numero crescente di posti di lavoro nello spazio della cannabis, la possibilità di unire le imprese con valutazioni altissime e l’opportunità di dare forma a un’industria fiorente in cui il Canada ha scavalcato gli Stati Uniti e potrebbe diventare un leader mondiale stanno alimentando questa migrazione.

“La gente vede la fine della proibizione della cannabis e l’industria che ne emergerà come una corsa al verde e un’opportunità irripetibile”, ha detto Alison McMahon, fondatrice e amministratore delegato della società di risorse umane Cannabis at Work . “È una possibilità di essere parte della storia.”

Secondo Statistics Canada, alla fine del 2017 c’erano circa 2400 dipendenti impiegati da 55 produttori di marijuana autorizzati . La cannabis medica è legale dal 2001, ma con la fine di un divieto di 95 anni sull’uso ricreativo della droga, il numero di posti di lavoro vacanti nell’industria multimiliardaria è esploso.

Un rapporto del sito di annunci di lavoro Indeed.ca ha rilevato che nel luglio 2017 il numero di posti di lavoro correlati alla cannabis sul suo sito è triplicato e che la ricerca dei termini “cannabis” e “marijuana” è più che quadruplicata, rispetto allo stesso punto anno prima. I lavori nel settore vanno da budtender a specialista della garanzia della qualità a intenditori di cannabis  e selezionatori.

Il boom del lavoro ha trasformato una serie di piccole città canadesi, come Smith Falls, in Ontario, che ospita il quartier generale della cannabis Juggernaut Canopy Growth Corp., la prima società canadese di marijuana a quotarsi alla Borsa di New York (simbolo ticker: ERBA). Valutata a $ 10 miliardi, Canopy Growth ha creato circa 800 posti di lavoro nella città di 9.000 persone da quando ha aperto negozi cinque anni fa in una struttura precedentemente occupata dal produttore di cioccolato Hershey.

“Il settore si sta muovendo a una velocità vertiginosa”, ha detto McMahon. “È l’industria più frenetica di cui ho fatto parte, e ho fatto parte del mondo della tecnologia start-up”.

La maggior parte dei primi posti di lavoro nell’industria erano ruoli di produzione e coltivazione, ha detto, ma più recentemente, McMahon ha notato un aumento nelle aziende che cercano di assumere persone con esperienza di marketing e vendita. Poiché l’industria non ha un vero piano analogico, il riempimento di alcune posizioni, in particolare sul versante della coltivazione, è stato difficile.

“Non è facile passare dalla coltivazione del pomodoro alla coltivazione della cannabis”, ha dichiarato Marc Wayne, amministratore delegato di Canopy Health Innovations, una sussidiaria di Canopy Growth.

Un certo numero di istituzioni post-secondarie canadesi sta avviando corsi di laurea e formazione sulla cannabis per contribuire a colmare questa lacuna.

In città come Toronto, dove il settore tecnologico è incandescente, le aziende sulla cannabis stanno anche combattendo con le start-up per i migliori scienziati e ingegneri informatici.

“Siamo tutti in competizione per lo stesso pool di talenti”, ha dichiarato David Berg, presidente e chief technology officer di Strainprint Technologies, che offre un’app agli utenti di cannabis medica che consente loro di seguire le loro reazioni fisiche e mentali con diversi ceppi e dosi personalizzate.

“La sfida per noi è che abbiamo sfide interessanti da risolvere”, ha detto Berg, che ha lavorato per decenni come sviluppatore di software per le aziende Fortune 500 e gli appaltatori della difesa. “Abbiamo un sacco di dati interessanti. Sta per superare la stigmatizzazione di alcune persone che si associa ancora alla cannabis “.

Parte di questo stigma si è dissipato con la legalizzazione, ha aggiunto, sottolineando che la sua squadra di 27 persone dovrebbe quasi raddoppiare entro il prossimo anno solare.

I timori che i canadesi assunti legalmente nell’industria della marijuana subirebbero il divieto a vita dagli Stati Uniti sono stati per lo più attenuati, dopo che la dogana e la protezione delle frontiere statunitensi hanno aggiornato la loro politica sulla cannabis e sul confine la scorsa settimana per consentire ai lavoratori canadesi di cannabis di entrare negli Stati Uniti finché la loro ragione di viaggio non è legata all’industria della cannabis.

Skilleter ha detto che la questione dei confini gli ha attraversato la mente quando stava decidendo se aderire a Lobo Genetics.

“In definitiva, stavo lavorando sotto la premessa che prevalessero le teste più calme e il buon senso”, ha detto.

SCARICA IL MENSILE DI FREEWEED:

(Visited 97 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
66 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *