Anche in Spagna niente CBD per Consumo Umano: la dichiarazione del Primo Ministro Pedro Sanchez

77 Condivisioni

Il primo ministro, Pedro Sanchez , è in visita in Canada il primo paese nel G-7 (il secondo nel mondo dopo Uruguay) per legalizzare l’uso ricreativo di marijuana .

In una conferenza stampa congiunta con il suo omologo Justin Trudeau, i giornalisti chiesto Sanchez per la possibilità che la Spagna potrebbe seguire nelle orme di Trudeau nella sua politica sulla cannabis.

“Sono quello che sono dentro. Ho già abbastanza problemi , quindi starò lì”, ha detto, secondo le agenzie. Quando il mondo intero guarda all’esempio del Canada per vedere se il paese, che introduce marijuana legale da ottobre, si schianta con la sua scommessa o deve accelerare il passo per copiare Trudeau, in Spagna il dibattito in sospeso è ancora l’approvazione della cannabis per uso medicinale .

Dall’ Osservatorio spagnolo of Medicinal Cannabis , il suo presidente Carola Pérez dice che avrebbe chiesto al presidente Sanchez che “in quanto è in Canada, prendere l’ opportunità di imparare bene, perché la regolamentazione della cannabis è molto vicino per tutti e il modello canadienese è molto interessante , poiché copre la regolamentazione medica e ricreativa “.

Approfondimento:  Stati Uniti: l'aeroporto di Las Vegas installa container per lasciare l'eccesso di cannabis

In Spagna, al momento, l’osservatorio è interessato soprattutto dai numerosi sequestri che avvengono sugli oli con CBD (cannabidiolo) mentre i grandi marchi cosmetici pubblicizzano su creme televisive a base di derivati ​​della cannabis.

“Questo problema è risolto solo con la regolamentazione, perché il consumatore è confuso, alcune marche pubblicizzano prodotti a base di olio di semi di cannabis e poi tolgono gli oli ‘grow shop’ con proprietà medicinali “, lamenta Pérez.

L’osservatorio si è riunito la scorsa settimana con Aecosan , l’agenzia spagnola per la sicurezza alimentare, per chiedere l’interruzione dei sequestri di oli CBD in Spagna, che a loro parere non ha senso perché chiunque può acquistarli da altri paesi via Internet .

” E ‘vero che in quanto non v’è alcuna regolamentazione, le persone sono alla ricerca e strade secondarie, invece di vendere loro come farmaco è venduto come un integratore alimentare e non è la cosa giusta , ” dice Pérez, “quindi è così necessario un buon regolamento.”

Ad oggi, il Ministero della Sanità dell’attuale governo socialista, né con Carmen Montón né con María Luisa Carcedo, si sono ora posizionati pubblicamente sulla possibilità di regolamentare la cannabis, né ricreativa né medicinale.

Approfondimento:  Cannabis ad uso medico: il Ministero fissa il prezzo a 9 Euro / grammo

Carola Pérez ritiene che la Spagna sia in attesa di vedere cosa fa l’Europa , per seguire le sue orme. Il prossimo 1 ottobre è una domanda sulla regolamentazione della marijuana medica al Parlamento europeo, che non ha affrontato la possibilità di concordare la legislazione per un mercato giovane, che sta già perdendo l’industria farmaceutica, l’industria cosmetica, e anche gli affari di alcolici e bevande analcoliche .

Fonte: 20minutos

(Visited 355 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT