Anche la Pepsi nel Business della Cannabis

42 Condivisioni

Il gruppo PepsiCo si è unito a un gruppo di grandi aziende che sembrano esplorare il settore delle bevande con la cannabis. 

Martedì, il suo direttore finanziario, Hugh Johnston , in un’intervista con CNBC ha riconosciuto l’interesse della multinazionale del soft drink in questo nuovo campo.

“Penso che la vedremo in modo critico”, “anche se non sono disposto a condividere i piani che potremmo avere in questo momento”, ha detto l’ alto dirigente Hugh Johnston nell’intervista alla CNBC.

Il CFO della società ha anche detto che la cannabis rimane illegale secondo la legge federale degli Stati Uniti, anche se alcuni Stati hanno già legalizzato, ha detto anche nell’intervista che il suo gruppo ” potrebbe trasformare ogni pietra per trovare la crescita.” 

Pepsi e Coca-Cola, competizione da decenni

Con questo annuncio, Pepsico sembra possa unirsi alla sua concorrente Coca-Cola nell’esplorazione del nuovo mercato delle bevande con la cannabis. 

Le informazioni che ci sono pervenute su Coca-Cola sono state indirizzate verso un mercato per le bevande analcoliche che potrebbe incorporare l’ingrediente non psicoattivo della cannabis, il CBD. Anche il proprietario di Pepsi-cola sembra esplorare questo stesso campo.

Ricordiamo che altre grandi aziende, anche di bevande e marchi noti, mettono l’accento sulle bevande che potrebbero incorporare un altro ingrediente di cannabis come il THC.

La cannabis sembra essere nel mirino di grandi gruppi di aziende di bevande e molti di loro hanno già preso posizioni. 

Nei prossimi mesi e con l’apertura del mercato legale canadese ora in ottobre, si prevede che gruppi più numerosi mostreranno interesse nell’esplorazione di questa nuova nicchia di mercato. 

(Visited 97 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Il Governatore del New Hampshire approva la depenalizzazione della Cannabis
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT