Aurora compra MedReleaf per 3 miliardi di dollari: nasce il gigante nel farmacoligopolio della cannabis

60 Condivisioni

“Due competitor sullo stesso mercato? Rileviamolo, cosi diventiamo uno solamente”

Deve essere stato questo il pensiero di Aurora Cannabis Inc dato che acquisterà la rivale MedReleaf Corp per 3,2 miliardi di dollari (2,51 miliardi di euro) nel più grande accordo ancora per unificare i principali coltivatori canadesi, mentre il paese si muove verso la legalizzazione della marijuana per uso ricreativo.

L’accordo annunciato lunedì è l’ultimo di un’ondata di fusioni nel settore in cui i produttori di marijuana, incoraggiati dalle legalizzazioni in Europa e da numerosi stati degli Stati Uniti, cercano di tagliare i costi e aumentare le dimensioni.

Le regolamentazioni rilassate del Canada, un’industria matura e un capitale libero hanno offerto alle aziende un’opportunità unica per far avanzare la ricerca senza i rischi legali e politici che imperversano i coltivatori negli Stati Uniti e altrove.

Le autorità di regolamentazione canadesi hanno concesso più di 70 licenze di aziende per produrre e vendere marijuana medica, con oltre la metà concessa nel 2017 o nel 2018.

Aurora e MedReleaf insieme prevedono di produrre oltre 570.000 chilogrammi all’anno di cannabis attraverso nove stabilimenti in Canada e due in Danimarca.

“La combinazione rafforza la nostra capacità di servire i mercati mondiali della cannabis medica in rapida espansione e amplifica il nostro vantaggio iniziale”, ha dichiarato in una nota l’amministratore delegato di Aurora Terry Booth.

Approfondimento:  Il Presidente della Regione Toscana invita alla legalizzazione della Cannabis

Il Canada è uno dei pochi paesi che esporta marijuana, consentendo ai coltivatori di trarre immediatamente vantaggio dalle recenti legalizzazioni mediche in più di 20 paesi. Il mercato mondiale della marijuana legale dovrebbe generare ricavi per 146,4 miliardi di dollari entro la fine del 2025, secondo la consulenza di mercato della Grand View Research, con sede in California.

“(Aurora è) che si rivolge principalmente all’Europa per le esportazioni … la domanda è saldamente in atto, in termini di mercato medico”, ha detto Alan Brochstein, fondatore del fornitore di informazioni sull’industria della cannabis 420 Investor.

“(L’Europa ha) forse un programma migliore inizialmente in termini di copertura assicurativa e distribuzione attraverso le farmacie”, ha aggiunto.

L’acquisizione è il secondo grande affare di Aurora quest’anno, a pochi mesi dall’acquisto di CanniMed Therapeutics per C $ 1,1 miliardi.

Le azioni di Aurora e MedReleaf sono aumentate dell’1% il lunedì mattina alla Borsa di Toronto.

Gli azionisti di Aurora deterranno circa il 61 percento della società combinata, in seguito all’affare complessivo. Aurora ha offerto di acquistare ciascuna azione MedReleaf per 29,44 dollari, con un premio del 18,2% rispetto al prezzo di chiusura del venerdì di MedReleaf.

Approfondimento:  SSUU 29 maggio 2014 - commento dell'Avvocato Carlo Alberto Zaina

Probabilmente Aurora firmerebbe più affari, ma non così grandi come l’acquisizione MedReleaf, ha detto Booth in una conferenza stampa a Toronto. La società vorrebbe anche prendere in considerazione l’inclusione delle sue azioni a New York, ha aggiunto.

“Aurora è … stata piuttosto aggressiva con i loro piani di espansione, ma ora gli azionisti vorranno vedere le risorse che vengono utilizzate prima che l’azienda si precipiti fuori e acquisti qualcos’altro”, ha dichiarato Bruce Campbell, Chief Investment Officer di Cannabis Growth Opportunity Corp.

(Visited 134 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT