Australia pronta ad esportare cannabis ad uso medico, l’Italia non ha scorte nemmeno per sé stessa

123 Condivisioni

Vi è un ampio consenso tra i politici australiani per consentire l’esportazione di cannabis ad uso medico.

Questa settimana i politici australiani hanno deciso di approvare l’esportazione di cannabis. Questa decisione politica vuole dare più sostegno a questo settore emergente, oltre ad aspirare a diventare un leader mondiale in questo campo.

“Questo è davvero un passo molto importante per i pazienti del nostro paese e per la nostra offerta”, dice il ministro della salute, Greg Hunt , ai media australiani ABC .

Hunt si rivolge anche a quelle aziende che saranno ora in grado di esportare cannabis ad uso medico.

“Ora sappiamo che esiste un mercato australiano e internazionale che aumenta la possibilità di produrre e generare crescita in Australia”

Hunt dice anche che l’ Australia è “desiderosa di diventare il principale fornitore mondiale di cannabis medicinale”.




Approfondimento:  In Argentina, l'Università di La Plata produrrà olio di cannabis

Tuttavia in base ai nuovi standard, è necessario che i pazienti australiani ricevano una scorta sufficiente per ricevere la cannabis medicinale prima dell’esportazione.

“È pienamente compatibile con il settore. I pazienti australiani sono i primi in fila “, afferma Hunt.

Il ministro sottolinea anche che l’Australia può difendere ciò che offre ai pazienti.

“Vogliamo una solida industria della cannabis medica in Australia, in modo che i medici abbiano prodotti sicuri e di alta qualità che possano essere tranquillamente offerti ai pazienti ” , afferma Hunt.

La cannabis rimane illegale in Australia, a meno che non sia per uso medico. La legge è stata modificata nel 2016, quindi la sostanza è legale per uso medico. Il cambio di legge ha avuto un grande sostegno nel Parlamento di Canberra.

Approfondimento:  Gli Attivisti regaleranno e fumeranno Cannabis al discorso inaugurale del Presidente Trump




La consulente americana Grand View Research stimava nel 2017 che il mercato mondiale della cannabis sarebbe cresciuto fino a circa 55,800 milioni di dollari nel 2025.

(Visited 197 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT