Canada: sui voli all’interno del Paese è possibile trasportare fino a 28,5 grammi di Cannabis

685 Condivisioni

Quando il governo canadese legalizzerà la cannabis ricreativa il prossimo 17 ottobre, i canadesi potranno legalmente viaggiare in aereo  con 28,5 grammi di marijuana  nel loro bagaglio registrato, ha riferito la Transport Canada.

Sarà illegale viaggiare con la cannabis fuori dal Canada, quindi le regole sono valide solo all’interno del confine canadese.

Sarà come vedere tutto ciò che funzionerà nella linea di sicurezza degli aeroporti canadesi.

Christine Langlois , portavoce dell’Autorità per la sicurezza aerea del Canada, che supervisiona e controlla la sicurezza aeroportuale, ha detto che sta ancora lavorando su come regolare il protocollo di verifica e controllo.

“Speriamo di finalizzare le nostre procedure nei prossimi giorni  ” , ha detto Langlois in una nota.

Volare con la cannabis è sempre più popolare.

Gli aeroporti canadesi non saranno gli unici a permettere ai loro passeggeri di viaggiare con la cannabis. Negli Stati Uniti, pochi giorni fa abbiamo incontrato anche il LAX aeroporto di Los Angeles che consentirà ai passeggeri di viaggiare con la cannabis nel bagaglio, grazie alla legalizzazione ricreativa della cannabis in California. Le persone sopra i 21 anni possono detenere fino a 28,5 grammi di marijuana (1 oz) o otto grammi di cannabis concentrata mentre attraversano l’aeroporto.

Approfondimento:  Gli Stati Uniti verso la regolamentazione della Canapa ad uso industriale

“I passeggeri dovrebbero tenere a mente, tuttavia, che le leggi sulla cannabis differiscono da stato a stato e sono invitati dunque a controllare le leggi negli stati nei quali progettano di viaggiare”, si legge l’annuncio sul sito web l’aeroporto  .

Negli Stati Uniti gli agenti di protezione delle frontiere, come la Transportation Security Administration (TSA) e la Customs and Border Protection (CBP), sono soggetti alle leggi federali. Quindi anche negli stati come Colorado e California, dove la cannabis per scopi ricreativi e medici è legale, l’uso di cannabis è ancora considerato un crimine.

Approfondimento:  UNGASS 2016: La dichiarazione di apertura dell'International Narcotics Control Board

 

(Visited 630 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT