Denver: il Consiglio cittadino approva i “cannabis point” ad uso sociale in modo permanente

DENVER – COLORADO – Una delle problematiche complesse sopra le attività di Denver inerenti alla cannabis sta per esser risolta.

Lunedì sera il consiglio comunale di Denver ha deciso con un voto di 10-1 che la città dovrebbe consentire permanentemente l’uso di cannabis “sociale” in alcune aziende della città. Fino ad ora le leggi sull’uso sociale della cannabis nella città avrebbero dovuto scadere alla fine del 2020.

Il cambiamento ha lo scopo di dare una certa stabilità alle imprese e negozi in cui le persone possono vaporizzare o mangiare legalmente cannabis.

La legge sull’uso sociale approvata dagli elettori nel 2016 includeva una data di “tramonto” di quattro anni. Ma da allora l’industria è stata lenta a svilupparsi. Finora solo due aziende hanno vinto una licenza per uso sociale: una caffetteria in un centro commerciale e un nuovo salone a Broadway .

Il limite di tempo ha scoraggiato alcuni imprenditori secondo la consigliera Kendra Black:

“Con meno di due anni disponibili è difficile ottenere finanziamenti. Se noleggi uno spazio, la maggior parte delle locazioni hanno da tre a cinque anni di contratto. E poi dovresti ottenere fondi per costruire lo spazio. E quindi non è davvero fattibile per un potenziale business aprire un’attività in questo periodo”.

Il consigliere Kevin Flynn non era convinto. Ha detto che la città dovrebbe prima accettare le altre lamentele degli imprenditori .

“Penso che dovremmo avere un pacchetto più completo di modifiche che potrebbero risolvere i problemi che stiamo cercando di risolvere”, ha detto Flynn.

Il consigliere Rafael Espinoza ha convenuto che fosse troppo presto, con il programma ancora in difficoltà, per concluderne il tramonto. Il programma nuovo è passato con Flynn che si opponeva fortemente, ma in solitaria; Espinoza e la consigliera Stacie Gilmore erano invece assenti.

I funzionari della città stanno anche esaminando i requisiti di distanza. Le imprese ad uso sociale devono essere ad almeno 1.000 piedi da scuole, centri diurni, centri ricreativi e piscine e centri di trattamento delle dipendenze.

I membri del Consiglio stanno prendendo in considerazione ulteriori modifiche per allentare tali restrizioni sulla distanza. Nel frattempo i legislatori statali potrebbero affrontare un’agenda dei cambiamenti della cannabis , tra cui una possibile legge comunale da utilizzare nelle imprese.

FONTE: DENVER POST

(Visited 112 times, 1 visits today)

Post Correlati

Trovi interessante questa notizia?
118 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *