Genotipi e Fenotipi della Cannabis: Che cosa rende unica una varietà?

106 Condivisioni

Articolo di BAILEY RAHN, Fonte Leafly.com

A volte trovi una varietà di cannabis così buona che non puoi fare a meno di cercare quell’esperienza ogni volta che si presenta l’opportunità.

Un giorno potresti essere sorpreso di scoprire che una nuova serie di Blue Dream non assomiglia a quella che hai provato l’ultima volta: quello che una volta era un fiore a forma di lancia ora sembra un grosso bulbo di tricomi di cristallo.

È lo stesso ceppo, quindi che cosa è cambiato?

Due cose influenzano la formazione strutturale di ogni pianta di cannabis: la genetica e l’ambiente.

Il corredo genetico della pianta, chiamato anche genotipo , funge da modello per la crescita: consente uno spettro di possibilità fisiche, ma spetta all’ambiente indurre queste caratteristiche.

L’espressione fisica di un genotipo è indicata come un fenotipo , che viene semplicemente definito come i tratti che l’ambiente estrae dal codice genetico della pianta.

Tutto, a partire dal colore, forma, odore e produzione di resina è influenzato dall’ambiente.




Questa guida alla genetica della cannabis ti condurrà attraverso l’evoluzione della pianta di cannabis, dai suoi inizi antichi fino alla moderna coltivazione di oggi. Alla fine capirai che ci sono davvero delle caratteristiche che definiscono ogni ceppo, ma ogni pianta è speciale come un fiocco di neve perché esprime in modo univoco i geni in base all’ambiente dell’area di coltivazione.

La prima specie di cannabis

La cannabis è un’antica pianta con radici in tutto il mondo.

Si pensa che le prime specie siano cresciute nella regione montuosa del Hindu Kush , in Pakistan, mentre altre successivamente proliferavano in climi tropicali. Queste prime varietà, chiamate Landrace , sono considerati i diamanti della genetica della cannabis.

Migliaia di anni di adattamento hanno permesso a questi ceppi di esprimere i loro tratti migliori per una specifica posizione geografica. Queste aree sono ciò che gli allevatori come DJ Short chiamano “punti dolci”.

Approfondimento:  Sativa vs. Indica vs. Hybrid: Qual è la differenza tra le tipologie di Cannabis?

Indiche corte e resistenti alla resina popolarono le latitudini tra 30 e 50 gradi, mentre le alte sative a crescita lenta si svilupparono naturalmente nelle regioni equatoriali di circa 30 gradi di latitudine.




Questi diversi habitat hanno condizionato una vasta gamma di varietà di cannabis, ognuna con una propria storia di lunga data.

Cannabis in Indoor

L’allevamento della cannabis ha avuto una svolta importante a partire dagli anni ’70 e ’80 quando i sentimenti federali anti-cannabis hanno raggiunto il picco, portando la coltivazione dai grandi spazi aperti alla clandestinità.

I giardini interni, sollevati da terra, luci elettriche e sistemi idroponici, producono la maggior parte della cannabis vista oggi sul mercato.

Mentre non c’è dubbio che i ceppi magistralmente coltivati ​​sono coltivati ​​in ambienti chiusi, gli esperti concorderanno sul fatto che l’ambiente generico e innaturale non può che far emergere così tanto del potenziale della pianta.

Riducendo ulteriormente la diversità, i coltivatori durante questo periodo erano principalmente motivati ​​dal contenuto di THC e sceglievano selettivamente questa caratteristica rispetto ad altri importanti costituenti chimici come il CBD .

Nonostante questa ricchezza perduta, vediamo una grande variabilità nell’espressione fenotipica della pianta: i nutrienti, la temperatura, la quantità e l’angolo di luce, il tipo di terreno, la lunghezza del fotoperiodo, il tempo di raccolta e la distanza tra la pianta e la sorgente luminosa sono tra le molte condizioni che influenzano le caratteristiche della pianta.

Determinate condizioni possono indurre ad esporre caratteristiche sative o indiche, così come amiamo categorizzare i ceppi su Leafly; ma dobbiamo riconoscere che i tratti di un ceppo non sono necessariamente fissati nella pietra genetica.

L’era dell’ibridazione

Mano nella mano con la rivoluzione delle coltivazioni indoor sono arrivati ​​i   ceppi ibridati , un miscuglio di varietà indigene globali.

Fu allora che la sativa incontrò le indiche, dando inizio ad un albero sempre più ramificato di prole ibrida. I coltivatori hanno ammirato le indiche per i loro boccioli ricoperti di resina e per i brevi periodi di fioritura, i quali sono ambiti tratti per la produzione commerciale.

Approfondimento:  8 metodi per controllare un intenso high di cannabis
(Amy Phung / Leafly)

Se pensiamo alle Indiche ed alle Sative come a una estremità opposta dello spettro genetico, diventa possibile immaginare la portata dell’espressione fenotipica.

Prendiamo la Blue Dream ad esempio: un incrocio tra l’indica Blueberry e la sativa Haze.

La Blue Dream può riflettere le caratteristiche in qualsiasi punto dello spettro tra i suoi genitori, a seconda di come è stata coltivata.

Questo è il motivo per cui a volte possiamo vedere un fenotipo di tipo Indica di Blue Dream quando ci aspettiamo una sativa.

Questo non vuol dire che i ceppi siano caratteri selvatici genetici imprevedibili; piuttosto non dovremmo essere sorpresi quando un ceppo non si adatta perfettamente all’interno di una scatola categoriale.

Inoltre è possibile assillare caratteristiche sativa o indica con condizioni specifiche in un giardino controllato.

Grazie all’ibridazione abbiamo una selezione pressoché illimitata di ceppi tra cui scegliere ed anche i collezionisti di ceppi avidi avranno sempre nuovi ibridi da inseguire.

I coltivatori incentrati sulla conoscenza possono però piangere la perdita della genetica originale della cannabis, ma molti si dedicano ancora alla loro risurrezione .

La loro rinascita non solo renderebbe un mercato ricreativo più ricco, ma i ceppi “antichi” potrebbero avere un enorme impatto sulla cannabis ad uso medico. Speriamo che mentre le barriere politiche cadranno come domino, l’arte orticola della coltivazione della cannabis potrà fiorire ancora una volta a livello globale.

Fonti di immagini: Smokers High Life , Coleen Whitfield ,  L’altro Dan , Dave H

(Visited 327 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT