I Canadesi che useranno legalmente cannabis non potranno entrare negli Stati Uniti?

64 Condivisioni

La cannabis sarà legale per uso ricreativo in Canada il 17 ottobre , ma nonostante la legalizzazione i canadesi che ammettono l’uso di cannabis potrebbero essere banditi definitivamente dall’entrare negli Stati Uniti.

“Fondamentalmente o è bianco e nero, se ammetti ad un funzionario di frontiera USA in un porto d’ingresso degli Stati Uniti che hai fumato marijuana in passato, sia in Canada che negli Stati Uniti, ti verrà impedito di entrare per sempre negli Stati Uniti “afferma l’avvocato dell’immigrazione Len Saunders  a CTV News martedì .

Saunders ha detto che crede che gli agenti di frontiera degli Stati Uniti inizieranno a porre la domanda più frequentemente una volta che la nuova normativa canadese sulla cannabis sarà implementata entro la fine dell’anno. Tuttavia, i canadesi hanno anche il diritto di non rispondere alla domanda, ha detto. Sebbene all’individuo interrogato possa essere negato l’ingresso negli Stati Uniti dopo aver rifiutato di rispondere, sarà solo per quel giorno e non un divieto permanente, Saunders ha spiegato.

Prima della decisione di Ottawa di legalizzare la cannabis ricreativa la scorsa settimana, i conservatori legislatori canadesi hanno incontrato il Procuratore Generale degli Stati Uniti Jeff Sessions.

 Secondo i rapporti , Sessions ha avvertito i funzionari eletti che i canadesi potrebbero affrontare problemi alla frontiera degli Stati Uniti se la legalizzazione fosse avanzata.

Nonostante il fatto che nove stati e la capitale della nazione, Washington DC, abbiano legalizzato la marijuana ricreativa – e 29 stati l’hanno legalizzata per scopi medici – la cannabis rimane completamente illegale secondo la legge federale degli Stati Uniti. 

Mentre l’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama ha implementato le linee guida contro il perseguimento delle attività commerciali della marijuana che erano legali a livello statale, Sessions ha assunto una posizione più dura.

Il governo canadese ha avvertito i cittadini sul proprio sito Web che l’uso legale di cannabis potrebbe ancora causare problemi quando si viaggia all’estero. 

“La cannabis è illegale nella maggior parte dei paesi”, dice il sito web . “L’uso precedente di cannabis, o qualsiasi altra sostanza vietata dalla legge locale, potrebbe comportare la negazione dell’ingresso di un viaggiatore nel paese di destinazione.”

Secondo Saunders, i canadesi banditi potrebbero ancora richiedere deroghe temporanee per visitare gli Stati Uniti. Ma il loro accesso ai visti senza visto sarebbe revocato per sempre secondo le attuali leggi sull’immigrazione.

Commentando la decisione del Canada di legalizzare la marijuana, Hannah Hetzer, senior policy manager internazionale presso Drug Policy Alliance, ha detto a Newsweek che sarebbe stato bizzarro per il governo federale degli Stati Uniti prendere una posizione ferma contro la mossa.

“Sarebbe molto ipocrita per il governo federale degli Stati Uniti uscire strenuamente contro la legalizzazione del Canada ed essere incredibilmente esplicito a riguardo”, ha detto Hetzer, “perché mette il governo degli Stati Uniti in una posizione scomoda, dove è ancora illegale a livello federale [ ma legale per ricreazione e uso medico in molti stati]. “

Al di là della disconnessione legale negli Stati Uniti, la maggior parte degli americani ha provato la marijuana a un certo punto della propria vita, secondo i sondaggi. Un sondaggio del 2017 di Marist e Yahoo News ha rilevato che il 52% degli americani di età superiore ai 18 anni ha utilizzato la cannabis in passato. Inoltre, il 44 percento ha ammesso di continuare ad usare il farmaco. Comparativamente, le statistiche in Canada mostrano che solo il 49,4 per cento degli uomini e il 35,8 per cento delle donne ammettono di aver provato il pot.

Poco più del 60 percento degli americani sostiene la legalizzazione della marijuana ricreativa, secondo un sondaggio di Pew Research di gennaio . Allo stesso modo, c’è un crescente sostegno politico bipartisan alla depenalizzazione e alla legalizzazione. 

(Visited 286 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Presentato l’emendamento per rendere illegale la compravendita di semi di cannabis non certificati (anche detti “da collezione”)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT