I Cannabinoidi aumentano la tolleranza al dolore

284 Condivisioni

La cannabis dà sollievo dal dolore a molte persone, ed un nuovo studio ha scoperto che i cannabinoidi non ridurrebbero il dolore ma aumenterebbero la tolleranza.

I ricercatori della Syracuse University hanno condotto una revisione di 18 con placebo – studi controllati e 450 partecipanti che hanno usato una varietà di prodotti di cannabis, compresa la cannabis secca e due farmaci, dronabinol e nabilone .

Finora, la maggior parte degli studi avevano indagato la marijuana a persone che soffrono di dolore cronico ed è spesso associata a depressione, ansia e altri sintomi risultati. In questa occasione, sono stati selezionati studi che hanno utilizzato individui sani e test di laboratorio che hanno indotto dolore “sperimentale”.

Attraverso la rivista JAMA Psichiatria ha segnalato i risultati studio pubblicato che i cannabinoidi non hanno ridotto l’intensità del dolore, ma rendono il dolore sperimentale “si sentono meno sgradevole e tollerabile”.

“Se pensi al dolore come a un suono nocivo proveniente da una radio, il volume è l’intensità di quel dolore ” , ha detto a MedPage Today il ricercatore Martin De Vita . “Dopo aver usato i cannabinoidi, il volume del rumore nocivo potrebbe non diminuire, ma è possibile sintonizzarsi su una stazione meno sgradevole. Non sarà la musica più bella che tu abbia mai ascoltato – sarà ancora dolore, ma sarà un po ‘meno spiacevole “.

I ricercatori hanno scoperto che dosi più alte di cannabinoidi miglioravano la tolleranza al dolore, le dosi più basse avevano scarso effetto. I fiori secchi di cannabis erano più efficaci nel ridurre il dolore rispetto ai farmaci sintetici, generalmente usati nella prevenzione della nausea.

De Vita ha detto che i 18 studi controllati con placebo sono in qualche modo compromessi perché i pazienti che hanno ricevuto fiori di cannabis “si sono sentiti messi”, mentre quelli sul placebo no. Gli studi futuri dovrebbero analizzare i cannabinoidi non psicoattivi come il cannabidiolo.

Sono necessarie ulteriori ricerche, ha detto De Vita. “Questo è un primo passo per farlo, basato sui fondamenti di come i cannabinoidi influenzano i processi di base del dolore, e ora dobbiamo determinare alcune di queste domande di follow-up”. 

(Visited 290 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT