Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Differenze tra i principali Cannabinoidi della Cannabis

330 Condivisioni

Di seguito elencate le principali caratteristiche dei Cannabinoidi presenti nella Pianta di Cannabis.

 

CBG:  Cannabigerolo

Il Cannabigerolo è il primo cannabinoide prodotto dalla pianta di Cannabis ed è il precursore dei cannabinoidi THC e CBD.

Non è un cannabinoide psicoattivo ed ha un effetto prevalentemente soporifero.

 

CBD: Cannabidiolo

Il Cannabidiolo si produce dal cannabinoide CBG ed è il precursore chimico del THC.

Ha un valore leggermente psicoattivo, con un effetto soppressore della paura e del panico.

La sua azione è simile ad un leggero sedativo e questa caratteristica riduce gli effetti del THC.

 

THC: (Delta-9)Tetraidrocannabinolo

Il Delta-9-Tetraidrocannabinolo, più comunemente conosciuto come THC, viene prodotto dal cannabinoide CBD.

E’ il principale cannabinoide con effetti psicoattivi della Cannabis.

Approfondimento:  Studio: la Cannabis può essere utile per la cura del Cancro al Seno

Il suo effetto produce rilassamento, stimolazione dell’effetto allucinogeno ed aumento del battito cardiaco.

 

CBN: Cannabinolo

Il Cannabinolo viene prodotto dal cannabinoide THC.

E’ particolarmente presente nelle piante di Cannabis raccolte in stadi avanzati della fioritura o nelle infiorescenze conservata male.

Il suo effetto è leggermente psicoattivo ed agisce come un leggero sedativo.

 

Il CBD (Cannabidiolo) è il cannabinoide che modifica lo stato generale dell’ individuo, portando un’esperienza dolce e rigenerante; sollievo, benessere, ottimismo, coraggio…

La combinazione del Cannabidiolo con il THC (senza tralasciare altri importanti cannabinoidi e terpeni) è ciò che crea l’alchimia per cui le infiorescenze della pianta possono raggiungere un effetto antitumorale, ansiolitico, antinfiammatorio, analgesico, antispasmodico, broncodilatatore, antibiotico e tanti effetti simili a quelli di altre medicine, senza però portare effetti collaterali indesiderati.

 

Importante non confondere THC con CBN: Il CBN è solo lo stadio degradato del THC.

Quando il CBN è presente nell’infiorescenza l’effetto può essere di pesantezza, stanchezza e sonnolenza; può anche diventare narcotico a dosi elevate.

Approfondimento:  Un po' di THC ogni giorno potrebbe contrastare l'invecchiamento cerebrale

 

Decisivo quindi è l’equilibrio tra THC e CBD per ottenere un miglior effetto terapeutico.

Tale equilibrio tra i cannabinoidi è stretto responsabile per la riduzione o per il sollievo nella maggior parte dei sintomi gravi e nelle malattie di diversa natura come il dolore cronico e l’infiammazione, il cancro (o nella chemioterapia), ansia, sclerosi, diabete, Parkinson, depressione, glaucoma, anoressia, asma, epilessia, ecc … così come è importante per prevenire tumori o danni alle ossa. Questo è supportato da numerosi studi clinici condotti da laboratori su questi cannabinoidi estratti dalla pianta, che però non possono essere sintetizzati.

 

FONTE: ACT MediCanna

(Visited 2.074 times, 1 visits today)

Post Correlati

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT