Il Messico apre le porte alla Legalizzazione della Cannabis

53 Condivisioni

La legalizzazione dell’uso ricreativo della cannabis in Canada a poco a poco diventa un’onda che bagna e travolge il continente americano da nord a sud. 

La Corte Suprema di Giustizia del Messico ha approvato mercoledì due ricorsi per la revisione in cause di consumo ludico. 

La giustizia di quel paese ha già cinque precedenti nello stesso senso del rispetto delle libertà individuali, quindi, d’ora in poi e secondo la legge di quel paese, i criteri dovrebbero essere gli stessi in tutti i tribunali.

La misura non depenalizza la marijuana, come molti credono, ma crea un precedente legale in tribunale per casi futuri e autorizza il consumo personale con scopi ricreativi per il tempo libero e per chi si occupa di un paziente prima della Cofreris, l’agenzia che regola l’uso di sostanze proibite. La commercializzazione continua ad essere vietata.

Tutto è iniziato nel 2014 con la prima delle azioni legali intraprese dalla ONG “Messico Unito contro la criminalità”, realizzata dopo il rapimento e la morte di Raul Nava Ricano, il figlio di un imprenditore. Si è richiesto che divenissero legali “tutti gli atti di autoconsumo correlati alla marijuana, menzionando in particolare l’importazione e l’acquisto delle sementi, escludendo espressamente le transazioni commerciali, come la distribuzione, la vendita e il trasferimento della stessa”.

La sentenza ha confini legali, ma non politici, in un paese che mostra un quadro normativo fermo al 2016, quando l’attuale presidente Enrique Peña Nieto ha riconosciuto la necessità di aumentare le politiche sulle droghe dal punto di vista dei diritti umani. Lo ha fatto nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sotto l’occhio vigile del resto dei partiti delle nazioni. Un anno dopo il Messico approvò, all’unanimità e in assoluta maggioranza di tutti i partiti politici, la riforma nel campo della cannabis medicinale.

La giurisprudenza a favore è uno dei motivi più forti che ci invitano a pensare a un lieto fine nell’economia più attraente della regione. L’evento permetterebbe anche la formazione di un possibile trattato commerciale tripartito sulla cannabis in Nord America, insieme al Canada e agli Stati Uniti che stanno lavorando nella stessa direzione.

L’altro motivo è Andrés Manuel López Obrador. Il nuovo presidente del Messico, che entrerà in carica il 1 ° dicembre, è un promotore della risoluzione di queste situazioni. Il suo governo sta prendendo in considerazione una nuova strategia di sicurezza che include la regolamentazione dei narcotici come quelli derivati ​​dalla marijuana e dal papavero da oppio, tra gli altri. Tutto indica che il Messico stia muovendo i primi passi verso la libertà.

Di Ramiro Barreiro

 

Approfondimento:  Il consumo di Cannabis in Europa: i dati dell'Osservatorio Europeo

 

SCARICA IL MENSILE DELL’ASSOCIAZIONE FREEWEED

(Visited 58 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Corte Costituzionale: Cancellato l'articolo 75bis sull'inasprimento delle sanzioni amministrative
Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT