Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Non distinguo tra droghe pesanti e droghe leggere”

883 Condivisioni

Il neo Ministro dell’Interno interviene per primo tra tutti gli esponenti politici, sia di governo che di opposizione, sulla questione cannabis in questa nuova legislatura e la dichiarazione non piacerà affatto a molti dei sostenitori del neonato governo carioca e sicuramente non verrà gradita dagli attivisti per la cannabis libera.

Matteo Salvini, invitato a parlare di Sostanze dalla Trasmissione Matrix di Radio 105, si è cosi espresso: “E’ un fenomeno di cui si parla troppo poco: però ahimè sta aumentando a dismisura il consumo di droghe. Non distinguo tra pesanti e leggere.”

Purtroppo non ci coglie alla sprovvista questa dichiarazione, data la forte e continua alleanza tra Lega e Forza Italia, di cui la Fini-Giovanardi di triste memoria è ancora cardine dell’espressione del pensiero delle “destre storiche” sulle sostanze stupefacenti.

Approfondimento:  I bambini dell'Illinois potrebbero essere aiutati con la cannabis ad uso medico direttamente nelle scuole

Quella legge, varata nel silente supporto della Lega (allora Nord), ha causato esclusivamente danni sociali demonizzando i consumatori ed i coltivatori di cannabis per uso personale ed azzerando la razionalità dei dibattiti sul tema sostanze illecite: ora si vuole riproporre questa teoria?

Ci attendiamo quanto meno una replica a queste dichiarazioni da parte di esponenti di parte “opposta” (ci auguriamo) del Governo stesso; non vorremmo si acuisse il rischio di un assurdo ed incomprensibile “ritorno al passato”.

PER ASCOLTARE LA PUNTATA INTERA CON LE DICHIARAZIONI DI MATTEO SALVINI:

Approfondimento:  Nuovo gioco per PC Weedcraft: Coltiva e commercializza la tua Cannabis

https://www.105.net/audio/105-matrix/215488/mercoledi-105-matrix.html?refresh_ce

 

(Visited 4.264 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT