Il Procuratore dello Stato di Baltimora non perseguiterà più casi di possesso di cannabis

Il Procuratore della città di Baltimora, Marilyn Mosby, ha  annunciato che il  suo ufficio non punirà più i casi di possesso di marijuana, indipendentemente dall’ammontare o dalla storia criminale dell’individuo.

Dichiarazione di Olivia Naugle, coordinatrice legislativa per il progetto di politica sulla marijuana:

“Applaudiamo al Procuratore di Stato Mosby per aver preso la giusta e giusta decisione di non perseguire più i casi di possesso di marijuana. Decenni di arresti e perseguitati per possesso di marijuana non hanno reso Baltimora più sicura e ha avuto un impatto drammaticamente sproporzionato sulle comunità di colore. Innumerevoli individui sono stati etichettati con convinzione e sottoposti a conseguenze collaterali che alterano la vita e che causano loro più danni di quanto la marijuana possa mai fare. Sfortunatamente, questo ha continuato a verificarsi a Baltimora City anche dopo la depenalizzazione nel 2014.”

“Speriamo che il resto dello stato segua la guida dell’avvocato di Stato Mosby e consideri con fermezza un approccio più sensato e imparziale alla marijuana. L’Assemblea Generale può e dovrebbe porre fine agli arresti di possesso di marijuana e alla loro pericolosa ricaduta ponendo fine alla proibizione della marijuana una volta per tutte. È tempo che il Maryland legalizzi, tassi e regolamenti la marijuana per gli adulti di 21 anni e cancelli i precedenti penali per le condanne di possesso passate. Prima avviano i legislatori, prima arriveranno alla fine questi arresti di possesso inutili, non solo a Baltimora City ma in tutto lo stato “.

Fonte: progetto di politica della marijuana

(Visited 98 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
221 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *