Il Procuratore dello Stato di Baltimora non perseguiterà più casi di possesso di cannabis

221 Condivisioni

Il Procuratore della città di Baltimora, Marilyn Mosby, ha  annunciato che il  suo ufficio non punirà più i casi di possesso di marijuana, indipendentemente dall’ammontare o dalla storia criminale dell’individuo.

Dichiarazione di Olivia Naugle, coordinatrice legislativa per il progetto di politica sulla marijuana:

“Applaudiamo al Procuratore di Stato Mosby per aver preso la giusta e giusta decisione di non perseguire più i casi di possesso di marijuana. Decenni di arresti e perseguitati per possesso di marijuana non hanno reso Baltimora più sicura e ha avuto un impatto drammaticamente sproporzionato sulle comunità di colore. Innumerevoli individui sono stati etichettati con convinzione e sottoposti a conseguenze collaterali che alterano la vita e che causano loro più danni di quanto la marijuana possa mai fare. Sfortunatamente, questo ha continuato a verificarsi a Baltimora City anche dopo la depenalizzazione nel 2014.”

“Speriamo che il resto dello stato segua la guida dell’avvocato di Stato Mosby e consideri con fermezza un approccio più sensato e imparziale alla marijuana. L’Assemblea Generale può e dovrebbe porre fine agli arresti di possesso di marijuana e alla loro pericolosa ricaduta ponendo fine alla proibizione della marijuana una volta per tutte. È tempo che il Maryland legalizzi, tassi e regolamenti la marijuana per gli adulti di 21 anni e cancelli i precedenti penali per le condanne di possesso passate. Prima avviano i legislatori, prima arriveranno alla fine questi arresti di possesso inutili, non solo a Baltimora City ma in tutto lo stato “.

Fonte: progetto di politica della marijuana

(Visited 80 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *