In che modo la Cannabis influisce sulla pressione sanguigna?

56 Condivisioni

La cannabis può causare una caduta o un aumento della pressione sanguigna, a seconda della frequenza con cui la si usa.

Hai mai sentito il tuo cuore battere o martellare dopo aver fumato Cannabis? Se è così, non sei il solo. 

Uno degli effetti passeggeri più comuni della marijuana è una frequenza cardiaca elevata, nota anche come tachicardia. Un aumento della frequenza cardiaca che di solito fa aumentare anche la pressione sanguigna.

Ma come la cannabis influisce sulla frequenza cardiaca e sulla pressione arteriosa dipende molto dall’individuo. 

Mentre i nuovi utenti notano spesso un battito cardiaco accelerato dopo aver consumato marijuana, le persone che usano spesso la cannabis tendono regolarmente a sperimentare l’effetto opposto.

Alcuni ricercatori ritengono che la marijuana possa persino essere utile per il trattamento della pressione alta, comunemente nota come ipertensione.

La marijuana aumenta la pressione sanguigna negli utilizzatori a breve termine

Se fumi marijuana per la prima volta o dopo una lunga pausa, molto probabilmente sperimenterai un picco temporaneo nella frequenza cardiaca e nella pressione sanguigna.

Questo effetto è stato inizialmente documentato da studi pubblicati negli anni ’70, che hanno coinvolto principalmente scienziati che davano la marijuana a volontari in un ambiente controllato e ne registravano gli effetti. (5)

Rispetto alla pressione sanguigna, l’effetto che la marijuana ha sulla frequenza cardiaca è più evidente. L’aumento della frequenza cardiaca inizia quasi immediatamente dopo aver fumato marijuana e trova il suo picco a circa 30 minuti. (1)

Durante il picco, sono state registrate frequenze cardiache di 150 bpm (battiti al minuto) o più. In confronto, la frequenza cardiaca media a riposo per la maggior parte degli adulti è tra 60-100 bpm.

L’aumento della pressione sanguigna causato dal fumo di marijuana è meno consistente. Alcuni studi hanno registrato un leggero aumento della pressione sanguigna (1), mentre altri non hanno registrato alcun cambiamento. (2)

Tuttavia mentre gli effetti della marijuana si esauriscono, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna tornano gradualmente alla normalità, di solito entro 90 minuti dal consumo.

Gli studi dimostrano che l’impatto della marijuana sulla frequenza cardiaca e sulla pressione arteriosa è correlato alla dose. (1) Dosi più elevate di marijuana causano un aumento più significativo della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa rispetto alle dosi più piccole.

La marijuana riduce la pressione sanguigna negli utenti a lungo termine

Cosa succede se fumi spesso marijuana? Stranamente, ci sono buone probabilità di subire una diminuzione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna.

I primi studi degli anni ’70 hanno scoperto che l’uso regolare di marijuana potrebbe portare a una riduzione della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca a lungo termine. In particolare, uno studio del 1975 ha rilevato che dosi orali di THC somministrate ogni 4 ore in un arco di 20 giorni hanno abbassato la pressione sistolica e diastolica in volontari sani. (3)

Lo studio ha inoltre confermato che i consumatori regolari di marijuana possono sviluppare una tolleranza alle frequenze cardiache rapide comunemente osservate negli utenti alle prime armi. Infatti, alla fine dello studio, i soggetti avevano una frequenza cardiaca a riposo più lenta rispetto a prima.

La capacità della marijuana di abbassare la pressione sanguigna potrebbe essere ancora maggiore nelle persone con ipertensione.

In uno studio del 1979, i ricercatori hanno studiato gli effetti della marijuana in un gruppo di volontari con pressione alta e pressione sanguigna normale. (4) Dopo aver fumato, i soggetti con pressione alta hanno avuto un calo della pressione sanguigna maggiore rispetto a quelli con pressione arteriosa normale.

Questi risultati hanno portato alcuni ricercatori a credere che il THC possa essere promettente come trattamento per l’ipertensione. (5)

La marijuana può essere in grado di trattare l’ipertensione

Risultati immagini per blood pressure

Dopo i primi studi hanno dimostrato che la marijuana potrebbe abbassare la pressione sanguigna , i ricercatori hanno spostato la loro attenzione sui meccanismi biologici dietro l’effetto. (5)

La scoperta del sistema endocannabinoide ha aiutato i ricercatori a capire meglio gli effetti del THC sul sistema cardiovascolare. Il sistema endocannabinoide consiste dei cannabinoidi propri del corpo e dei percorsi che attivano, noti come recettori cannabinoidi.

A quanto pare il THC imita gli effetti dei cannabinoidi naturali legandosi agli stessi percorsi che si trovano in tutto il corpo. Uno di questi percorsi è il recettore CB1, che è presente nel sistema cardiovascolare, in particolare nei tessuti dei vasi sanguigni e del cuore.

Quando attivati ​​dai cannabinoidi, i recettori CB1 hanno dimostrato di avere effetti antipertensivi causando la dilatazione dei vasi sanguigni e l’indebolimento delle contrazioni cardiache. (5)

La maggior parte dei farmaci prescritti per il trattamento dell’ipertensione funziona in modo simile nella riduzione della pressione sanguigna. Allo stesso modo, gli studi sugli animali che coinvolgono il THC hanno mostrato effetti positivi nel ridurre l’ipertensione. (6)

Sfortunatamente, molti ricercatori considerano gli effetti psicoattivi del THC come una barriera al suo uso come medicinale.

Di conseguenza, studi recenti si sono concentrati sullo sviluppo di cannabinoidi sintetici in grado di indirizzare gli stessi percorsi biologici del THC senza causare alti livelli. (5)

Sorgenti 
(1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/4936140 
(2) http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1600-0447.1992.tb03247.x/abstract 
( 3) http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/cpt1975183287/abstract 
(4) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/468444 
(5) https: //www.ncbi. nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2228270/ 
(6) http://jpet.aspetjournals.org/content/321/2/663

 

Approfondimento:  La Cannabis come cura per lo Stress

 

FONTE: LeafScience

 

(Visited 225 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  L'Università dello Utah studierà la cannabis e la sua azione sul cervello: finanziamento di oltre 700.000 dollari
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT