In Danimarca si avvierà uno studio sulla cannabis come cura per il dolore provocato da artrite

95 Condivisioni

Per primi nel paese, i ricercatori del Dipartimento di Reumatologia dell’Ospedale universitario di Aalborg hanno ricevuto il permesso di testare i preparati a base di cannabis in un esperimento scientifico .

Il dott. Jonathan Vela vede molti pazienti nella sua clinica ambulatoriale con dolore dovuto all’artrite psoriasica o all’artrosi nelle sue mani. 

Il trattamento primario per tale dolore è, ad esempio, l’ibuprofene, che attenua le condizioni infiammatorie.

Ma non fa molto con i pazienti dice Jonathan Vela.

“Sempre più pazienti iniziano a chiedere se sappiamo qualcosa sul trattamento del dolore con la cannabis, e se questo è qualcosa che può essere trattato in questo modo”, dice Jonathan Vela.

Secondo i mezzi tradizionali del medico, l’ibuprofene è il meglio che può offrire, ma non è ottimale, dal momento che i farmaci hanno una serie di effetti collaterali, tra cui un aumento del rischio di ulcere allo stomaco e problemi cardiaci.

“Pertanto, vi è una buona ragione per indagare se questi preparati a base di cannabis potrebbero essere un’alternativa al farmaco che usiamo oggi”, afferma Jonathan Vela.

80 pazienti saranno valutati

Insieme al medico capo Salome Kristensen del Dipartimento di Reumatologia, è stato avviato uno studio scientifico con lo scopo di testare se la medicina a base di cannabis funziona e in che modo.

– ” Nel progetto abbiamo studiato la sostanza CBD, che è una delle sostanze attive nella pianta di cannabis. Guardo l’effetto del CBD sul dolore e l’infiammazione nei pazienti con palpitazioni e pazienti con artrite psoriasica “, afferma Jonathan Vela.

Lo studio è organizzato come progetto di dottorato, dove 80 pazienti provenienti da due gruppi partecipano ogni settimana. Un gruppo riceve CBD mentre un altro riceve un placebo. I pazienti saranno seguiti per 8-12 settimane, dopodiché Jonathan Vela vedrà cosa accadrà.

Provoca meno dolore ai pazienti e può essere misurata la riduzione dell’infiammazione nei pazienti?

“Nel progetto abbiamo una collaborazione con Lars Arendt Nielsen dell’Università di Aalborg, uno dei principali ricercatori sul dolore nel mondo. Con esso vedremo cosa spinge il dolore in questi pazienti, e soprattutto – se il CBD sembra agire – quali sono i meccanismi del sistema del dolore che sono colpiti ?, dice Jonathan Vela.

Ricercatore dalla mentalità aperta

Jonathan Vela spera che non passerà molto tempo prima che tutti i partecipanti necessari vengano reclutati per il progetto.

– “Sembra che ci sia una percezione nella popolazione che le preparazioni a base di cannabis sono molto efficaci e, quindi, siamo molto interessati a partecipare a diversi studi relativi alla cannabis. Pertanto, non crediamo sia difficile trovare partecipanti al processo “, afferma Jonathan Vela.

Il dottore non ha nemmeno aspettative su ciò che lo studio mostrerà. Tuttavia, egli sottolinea che in realtà ci sono studi sui topi che indicano che il CBD può avere un effetto benefico sull’infiammazione. Tuttavia, non sono esenti da fonti di errore, ed è tutt’altro che certo che i risultati possano essere trasmessi alle persone.

“Siamo desiderosi di iniziare ed entrare nel test di apertura mentale. Se il CBD dimostra di avere un effetto benefico e senza gli effetti collaterali che vediamo nei FANS, sarebbe incredibile. Al contrario, se si scopre che non c’è alcun effetto benefico, possiamo usarlo quando spieghiamo ai pazienti perché non offriamo loro il trattamento che potrebbero richiedere “.

Risultati completati in tre anni

Lo studio è il primo ad autorizzare la ricerca sulla cannabis ad uso medico.

– ” C’è stata una certa riluttanza nei test di questi prodotti in Danimarca, ma va notato che c’è un grande interesse tra i pazienti – e quindi è anche importante che ci riferiamo all’argomento su basi scientifiche “, spiega. ricercatore.

Jonathan Vela inizierà a reclutare pazienti per il suo studio dopo la pausa estiva, e i risultati finali dovrebbero essere completati in tre anni.

(Visited 152 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Principio Attivo: Il Mensile Informativo dell'Associazione FreeWeed - Ottobre 2018
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT