Israele: il parlamento regolamenta l’esportazione di cannabis ad uso medico

Israele si unirà ai paesi del Canada e dei Paesi Bassi che consentono l’esportazione di cannabis a scopo terapeutico. 

Il parlamento israeliano ha votato a favore di una legislazione che faccia sì che Israele si unisca ai Paesi Bassi e al Canada come nazioni che consentono l’esportazione legale di cannabis ad uso medico.

Ci sono già diversi paesi che sarebbero disposti ad acquistare cannabis coltivata ​​in Israele, come Australia, Germania, Austria e Messico, secondo Forbes.

“Israele è in una posizione perfetta per entrare e distruggere il mercato della cannabis ad uso medico, che dovrebbe aumentare fino a 33 miliardi di dollari in tutto il mondo nei prossimi 5 anni”, ha detto Saul Kaye, CEO di iCAN, una società in una dichiarazione.

“Solo in Israele, ci aspettiamo rapidamente più di $ 1 miliardo di vendite in paesi interessati ai nostri prodotti.”

Il Consiglio dei ministri deve ancora approvare la legislazione. Le esportazioni non inizieranno per almeno sei mesi.

Martedì la Knesset ha votato a favore dell’esportazione

La Knesset ha votato martedì la misura. La legislazione, che regola le procedure di esportazione, ha avuto il sostegno di diversi ministeri chiave.

Ci sono otto compagnie israeliane specializzate nella coltivazione di cannabis che operano in Israele e molte altre coinvolte nella produzione, nel marketing e nella distribuzione. Dozzine di agricoltori hanno le licenze per coltivare la cannabis, ma hanno ritardato la piantagione considerando la legislazione sull’esportazione.

SCARICA IL MENSILE DELL’ASSOCIAZIONE FREEWEED:
(Visited 76 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
115 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *