Ecco come la Cannabis agisce sulle varie tipologie di dolore

319 Condivisioni

La Cannabis è conosciuta per alleviare il dolore, ma il dolore può insorgere per una serie di motivi che rendono difficile scegliere il giusto prodotto di cannabis. Sapere quali cannabinoidi (ad es. THC , CBD ) hanno dimostrato di trattare diversi tipi di dolore, sono utili informazioni da portare con sé alla visita successiva del dispensario .

I diversi tipi di dolore si dividono in tre categorie generali:

  • Dolore nocicettivo
  • Dolore neuropatico
  • Dolore centrale (non c’è un accordo sul nome per questo tipo di dolore, la fibromialgia è un esempio comune).

Poiché ogni tipo di dolore ha un’origine diversa, ogni tipo ha una strategia di trattamento ottimale.

Il dolore deriva dall’attivazione coordinata delle cellule cerebrali.

Mentre queste regioni del cervello portano alla sensazione di dolore, possono anche modulare la forza dei segnali del dolore. In alcuni casi, è possibile avere lesioni fisiche (cioè dolore nocicettivo) senza la sensazione di dolore (immagina una vittima di un incidente stradale che può camminare senza dolore nei momenti iniziali dopo l’incidente).

Ma è anche possibile il contrario, dove si può avere dolore in assenza di lesioni fisiche (cioè dolore centrale). Ciò evidenzia l’importanza che fattori quali l’umore, il contesto e l’attenzione alla lesione giocano nella sensazione di dolore, che può anche essere usata per informare strategie terapeutiche ottimali basate sulla cannabis.

Cannabis e dolore nocicettivo

Il dolore nocicettivo (cioè il dolore infiammatorio) deriva dal danno tissutale.

È soggettivamente descritto come dolore acuto, dolente o pulsante che segue il danno fisico. Quando ti ferisci, i tessuti danneggiati reclutano numerose cellule infiammatorie e immunitarie per riparare il danno. Queste cellule rilasciano proteine ​​e sostanze chimiche che attivano i recettori sui nervi che si fanno strada nel midollo spinale fino al cervello, causando la sensazione di dolore.

Per mantenere l’efficacia antidolorifica riducendo il rischio di tolleranza, si dovrebbero prendere in considerazione prodotti con THC e CBD bilanciati per il trattamento del dolore a lungo termine.

Il dolore nocicettivo può essere indebolito riducendo i segnali del dolore sul sito della lesione bloccando il processo infiammatorio stesso o i segnali che lo provocano. Un’altra strategia è di smorzare i loro effetti mentre risalgono il midollo spinale verso il cervello. La cannabis può bersagliare entrambi questi processi per ridurre il dolore.

Gli abbondanti cannabinoidi, THC e CBD, possono ridurre il dolore al sito di lesione. Entrambi hanno potenti effetti anti-infiammatori. Le proprietà antinfiammatorie del THC sono principalmente guidate dall’attivazione dei recettori CB2 sulle cellule immunitarie che attenua la risposta indolore del corpo alle lesioni. Il CBD riduce anche l’infiammazione bloccando  i mediatori dell’infiammazione e spostando le cellule di  riparazione dei macrofagi di attivazione  dal tipo pro-infiammatorio al tipo anti-infiammatorio. In effetti, i benefici del THC e del CBD sull’alleviamento del dolore nocicettivo sono stati ben documentati nei modelli di roditori dell’infiammazione e negli studi clinici sull’uomo .

Il THC può modulare il dolore a livello del midollo spinale e del cervello attivando direttamente i recettori CB1 e indirettamente aumentando l’attivazione dei recettori degli oppioidi (più su questo nella seconda parte di questa serie). Allo stesso modo il CBD influisce sull’elaborazione del dolore aumentando i livelli del cannabinoide endogeno, l’anandamide, che agisce come il THC per attivare i recettori CB1.

Approfondimento:  Temperature di Vaporizzazione della Cannabis

Il CBD ha anche una serie di obiettivi al di là del sistema endocardico dei cannabinoidi (ECS) che può alleviare il dolore. Di particolare rilevanza, il CBD potenzia l’attività dei recettori per il neurotrasmettitore inibitorio primario del cervello, GABA . Attraverso questo effetto inibitorio, il CBD può smorzare i segnali del dolore mentre penetrano nel cervello.

Quando ti senti bene è meno probabile che ti concentri sulle cose che fanno male. Non solo un umore positivo sposta l’attenzione dalle cose che ti infastidiscono, ma può anche ridurre direttamente la forza dei segnali di dolore che entrano nel cervello. È un fenomeno di mind-over-matter e può essere potente quando si tratta di dolore, almeno all’inizio.

Nel corso del tempo, diventa più difficile raggiungere i sentimenti positivi associati al consumo di cannabis e ciò indebolisce i suoi effetti antidolorifici. Questa è la conseguenza della tolleranza all’attivazione dei recettori CB1 da parte del THC, che può essere mitigata dal CBD. Di conseguenza, per mantenere l’efficacia antidolorifica riducendo il rischio di tolleranza, si dovrebbero prendere in considerazione prodotti THC e CBD bilanciati per il trattamento del dolore a lungo termine.

Il CBD può anche migliorare l’umore attivando i recettori della serotonina, che ha effetti ansiolitici e di riduzione dello stress. Dal momento che la depressione e l’ansia sono comuni tra coloro che soffrono di dolore cronico, gli effetti di miglioramento dell’umore del CBD ne fanno un’aggiunta preziosa nella terapia del dolore.

Cannabis e dolore neuropatico

Il dolore neuropatico è diverso dal dolore nocicettivo in quanto deriva dal danno al sistema nervoso del corpo.

Ed è abbastanza comune. Il dolore neuropatico colpisce il 7-10% della popolazione e può derivare da una ferita forte, da un pizzicamento o da una lesione che danneggia i nervi. La malattia è anche una causa alla base comune del dolore neuropatico. Ad esempio, nella sclerosi multipla , l’isolamento delle cellule nervose si rompe e ciò porta al dolore neuropatico. Altre malattie che causano dolore neuropatico includono il morbo di Parkinson , l’ HIV , il diabete e l’herpes zoster, per citarne alcuni. La chemioterapia è un’ulteriore causa comune di dolore neuropatico a causa dei suoi effetti distruttivi su molti tipi di cellule nel corpo.

Come con il dolore nocicettivo, la sovra-attivazione dei recettori CB1 con THC può portare a effetti più deboli. Pertanto, la cannabis bilanciata di THC e CBD sarebbe più efficace a lungo termine.

Il dolore neuropatico è notoriamente difficile da trattare perché non risulta da un’infiammazione che può essere presa di mira da farmaci antinfiammatori non steroidei come l’ibuprofene. Tuttavia, sia che si tratti di malattia, amputazione o chemioterapia, molti si rivolgono alla cannabis per il trattamento del dolore neuropatico cronico. La cannabis si sta rivelando un’opzione di trattamento promettente, ed i suoi benefici sono stati osservati in entrambe le forme di neuropatia del cancro e non correlate al cancro attraverso i modelli di roditori e gli studi clinici sull’uomo.

Approfondimento:  Una nuova Ricerca Italiana trova nei gangli spinali dei cani i recettori per i cannabinoidi

La cannabis ricca di CBD è protettiva contro lo sviluppo del dolore indotto dalla chemioterapia attraverso l’attivazione dei recettori della serotonina . È importante sottolineare che il CBD è protettivo senza compromettere l’efficacia del farmaco chemioterapico per distruggere il cancro, rendendolo una strategia profilattica potenzialmente promettente per i pazienti chemioterapici.

La sciatica è un esempio di un tipo di dolore non-chemioterapico in cui c’è un pizzicamento del nervo sciatico che causa dolore nella parte bassa della schiena e lungo la gamba. Nella sciatica c’è un aumento dei recettori CB1 che, una volta attivato , riduce il dolore.

I benefici comuni dell’attivazione dei recettori CB1 in entrambi i tipi di dolore neuropatico chemioterapico e non chemioterapico suggeriscono che la cannabis può alleviare il dolore neuropatico indebolendo la forza dei segnali del dolore nel midollo spinale e la loro elaborazione nel cervello.

Come con il dolore nocicettivo, la sovra-attivazione dei recettori CB1 con THC può portare a effetti più deboli. Pertanto, la cannabis bilanciata di THC e CBD sarebbe più efficace a lungo termine.

Cannabis e Dolore Centrale

Il dolore centrale è recentemente emerso come termine generico per i tipi di dolore che derivano dalla disfunzione del sistema nervoso.

Mentre a volte il dolore centrale può derivare da un infortunio, spesso si verifica in assenza di una causa nota. Di conseguenza, può essere particolarmente difficile da trattare. La fibromialgia è un classico esempio di dolore centrale che deriva dalla disfunzione nel modo in cui i segnali del dolore si dirigono verso il cervello e vengono elaborati. Come altri tipi di dolore centrale, l’origine della fibromialgia è in gran parte sconosciuta.

A causa della diversità nel dolore centrale, ci sono pochi studi che studiano i benefici della cannabis in questa categoria di dolore.

Tuttavia, i benefici più consolidati della cannabis nel trattamento del dolore centrale sono per la fibromialgia .

In uno studio su 26 pazienti con fibromialgia, tutti hanno riportato benefici derivanti dall’uso di cannabis e metà hanno interrotto l’assunzione di altri farmaci. Ciò suggerisce che la cannabis può fornire sollievo tanto necessario per quelli con fibromialgia e possibilmente altre condizioni di dolore centrale di origine sconosciuta.

 

(Visited 765 times, 1 visits today)

Post Correlati

Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT