La Giustizia di Costa Rica tollera l’autocoltivazione personale

91 Condivisioni

Se la coltivazione sarà personale e non verrà ceduta dietro compenso, senza attrezzature destinate alla tratta e nessuna vendita di alcun tipo, essa non sarà più considerata un crimine, in quanto non vi è alcun danno per la salute pubblica. 

Questo principio sembra molto logico quando viene letto ad alta voce, ma, finora, non è un paradigma che regna tra la polizia in America Latina. Tuttavia, è stato l’argomento utilizzato da un tribunale costaricano nel caso di Mario Cerdas , un avvocato che ha trascorso cinque mesi in detenzione preventiva per avere 150 piante.

Così la Camera ha rilevato che se una persona coltiva la cannabis in casa senza che ciò sia obiettivo di traffico allora è consentito dallo Stato  Costa Rica e non è considerato un pericolo per la salute pubblica. L’indagine non ha rilevato attività connesse a tale crimine.

” Abbiamo accolto con grande soddisfazione questa sentenza perché, da quando ha iniziato il processo, il difensore pubblico ha sottolineato che i tribunali e giurisprudenza nazionale avevano sempre chiesto che ogni crimine relative al farmaco abbia uno scopo della tratta, la distribuzione o il commercio”  ha affermato  Sebastián Mesén , difensore pubblico di Mario Cerdas.

“Bisogna iniziare le consultazioni nello Stato per vedere se si pensa a regolare l’auto coltivazione, perché è ora libera e gli utenti sono ancora criminalizzati dalla mancanza di una regolamentazione , “ ha detto Ernesto Cortes , rappresentante della Costa Rica Associazione per lo studio e l’interventismo in materia di droga (aceid).

di Rama

(Visited 52 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Video: Il primo "Bud & Breakfast" Americano
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT