L’Estrogeno aumenta la sensibilità della cannabis

51 Condivisioni
Articolo di Josh Kaplan, Ph.D., assistente professore di neuroscienze comportamentali presso la Western Washington University, appassionato scrittore di scienze, educatore e gestisce un laboratorio che ricerca gli effetti sullo sviluppo e terapeutici della cannabis.

Il cervello degli uomini e delle donne è diverso . Questo non è un fattore unico negli esseri umani, ma è pervasivo in tutto il regno animale. Le differenze sessuali possono essere trovate a tutti i livelli, dalla cellula cerebrale al comportamento dell’intero organismo, e queste differenze influenzano il modo in cui i diversi sessi rispondono a tutto, dallo stress ai farmaci, compresa la cannabis.

Per decenni, la ricerca pre-clinica sulla cannabis ha generalmente utilizzato esclusivamente roditori maschi (questo è stato tradizionalmente un problema in tutte le aree di ricerca). Questa strategia avrebbe dovuto ridurre la variabilità nel comportamento imposto dagli ormoni fluttuanti attraverso il ciclo riproduttivo.

Invece limitava la nostra comprensione delle azioni della cannabis, principalmente quelle del THC, su un cervello maschile. 

Gli scienziati stanno ora iniziando a scoprire l’interazione significativa tra il sistema endocannabinoide e l’ormone sessuale, l’estrogeno, nel mediare gli effetti della cannabis. Questa interazione influenza quindi tutto, dallo sviluppo del cervello al rischio di sviluppare un disturbo dell’uso di cannabis .

Gli effetti della cannabis si sentono più forti per le donne

In generale, le donne sono più fortemente influenzate dalla cannabis rispetto agli uomini. Con un’eccezione, secondo gli studi sui ratti: le donne tendono ad essere meno afflitte dai munchies.

Ma per la maggior parte degli altri comportamenti, le femmine sono più sensibili. E a volte è meglio. Ad esempio, i cannabinoidi possono contribuire a migliorare il sollievo dal dolore nelle donne rispetto agli uomini. I cannabinoidi elevano anche il comportamento sessuale nei roditori femminili mentre è soppresso nei maschi. Ma in altri casi, può avere conseguenze negative più forti sotto forma di aumento dell’ansia o della depressione da un eccessivo consumo di THC.

Questi più forti effetti della cannabis nelle donne probabilmente sono alla base del perché le donne passano dal primo colpo a formare un disturbo dell’uso di cannabis più velocemente degli uomini. Ratti femmine spingono una leva più dei maschi per infondere un farmaco che attiva i loro recettori CB1, lo stesso bersaglio cerebrale del THC. Anche se questo può essere parte del puzzle, probabilmente riflette le differenze nel modo in cui gli ormoni sessuali influenzano il modo in cui i recettori CB1 sono espressi nelle regioni del cervello chiave coinvolte negli effetti piacevoli del THC.

Estrogeno e sistema endocannabinoide

Gli effetti del THC sono più forti quando i livelli di estrogeno sono alti.

Perché la cannabis colpisce donne e uomini in modo diverso? Perché le donne e gli uomini hanno diversi livelli di ormoni sessuali e questi ormoni sessuali interagiscono con il sistema endocannabinoide per influenzare la forza dell’effetto della cannabis.

L’estrogeno, di particolare rilevanza qui, è un ormone sessuale che interagisce con il sistema endocannabinoide. Le donne hanno livelli più elevati di estrogeni rispetto agli uomini e questi livelli oscillano durante il ciclo riproduttivo.

In molte regioni del cervello , il numero di recettori CB1 fluttua con la quantità di estrogeni nel cervello. L’estrogeno aumenta anche la quantità dell’endocannabinoide anandamide, aumentando così la forza del sistema endocannabinoide. Coerentemente con questo, gli effetti del THC sono più forti quando i livelli di estrogeni sono alti.

Perché gli estrogeni?

All’inizio dello sviluppo del cervello, gli ormoni sessuali (testosterone nei maschi e estrogeni nelle femmine) modificano il modo in cui le cellule cerebrali si connettono e comunicano tra loro per promuovere cervelli “simili a maschi” e “femminili”. Questi circuiti cerebrali specifici del sesso finiscono per influenzare le nostre emozioni e comportamenti. Nelle donne adolescenti e adulte, gli estrogeni attivano questi circuiti cerebrali che alterano la forza della cannabis.

L’estrogeno è una delle ragioni per cui la cannabis può essere particolarmente distruttiva per il cervello femminile in via di sviluppo. Il sistema endocannabinoide svolge un ruolo importante nello sviluppo del cervello e vi sono drastici cambiamenti nella forza del sistema nelle regioni chiave del cervello coinvolte nell’elaborazione emotiva e legata alla ricompensa. Per il normale sviluppo del cervello, il sistema endocannabinoide deve essere strettamente regolato.

Se i recettori CB1 sono eccessivamente attivati ​​a causa delle interazioni tra THC ed estrogeno, il sistema cade fuori equilibrio e possono derivarne conseguenze negative. Ad esempio, le donne adolescenti che usano la cannabis avevano amigdale più grandi rispetto ad una coorte di uomini o donne che non usavano. Questa è una regione cerebrale importante nel “circuito delle minacce” e in effetti, queste donne avevano uno stato d’animo più negativo e una maggiore ansia rispetto ai loro coetanei.

Gli studi sull’interazione tra consumo di cannabis adolescenziale sullo sviluppo del cervello si riferiscono generalmente all’utilizzo di cannabis ad alto THC. Non è chiaro in questo momento quale sia la conseguenza di ceppi più equilibrati, con un contenuto di CBD più elevato, poiché il CBD riduce molti degli effetti del THC sulle prestazioni cognitive bloccando la sua azione sui recettori CB1.

Quindi la prossima volta che stai provando un nuovo prodotto o ceppo, tieni presente che il tuo miglior metro di paragone è qualcuno dello stesso sesso.

 

Approfondimento:  Studio: Il THC previene le infiammazioni alle Vie Respiratorie

(Visited 278 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Aperto a Conversano: CANAPUGLIA EMPORIO!
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT