Malesia verso la proposta di regolamentazione della Cannabis ad uso medico

0 Condivisioni

La Malesia sta cercando di cambiare la sua legge per legalizzare la cannabis ad uso medico, il che la renderebbe il primo paese asiatico a farlo.

Dopo che il giovane malese di 29 anni, Muhammad Lukman Mohamad, è stato condannato alla pena di morte per la fornitura di olio di cannabis per aiutare i pazienti affetti da malattie come il cancro e la leucemia, il fatto ha causato grande indignazione .

Questa agitazione ha portato ad una petizione su Change.org chiedendo al governo di invertire la sentenza di Mohamad e cambiare le leggi che governano cannabis ad uso medico. La petizione è stata firmata da più di 63.000 persone.

Il governo malese ha deciso di rimuovere il caso di pena capitale per Mohamad, e le prime discussioni per modificare le leggi sono iniziate la scorsa settimana. 

Il Ministro dell’acqua, terre e delle risorse naturali, Xavier Jayakumar,  ha detto che aveva discusso brevemente il valore medicinale della cannabis in una riunione. Il crescente sostegno alla legalizzazione della cannabis ad uso medico sarà ” una battaglia in salita”, ha detto.

“E ‘stato fatto in alcuni paesi” ,  ha detto Jayakumar, a Bloomberg. “Se sarà usata per scopi medicinali, può essere usata. Non per scopi sociali, ma per scopi medicinali, sì, deve essere permesso di essere usata. “

I benefici della cannabis sono stati dibattuti a lungo. Gli studi hanno scoperto che è un modo efficace per alleviare il dolore cronico. La ricerca ha anche dimostrato che la marijuana può fermare la diffusione del cancro, diminuire l’ansia e può aiutare a controllare le convulsioni.

Se la Malesia adottasse la misura della Cannabis diventerebbe il primo paese asiatico a regolare il suo uso terapeutico. 

Ricordiamo che a metà ottobre sarà il Canada che legalizzerà l’uso ricreativo, diventando il primo Paese del G7 e del G20 a legalizzare e regolamentare la marijuana, e il secondo paese al mondo dopo l’Uruguay.

(Visited 17 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *