Malesia verso la proposta di regolamentazione della Cannabis ad uso medico

La Malesia sta cercando di cambiare la sua legge per legalizzare la cannabis ad uso medico, il che la renderebbe il primo paese asiatico a farlo.

Dopo che il giovane malese di 29 anni, Muhammad Lukman Mohamad, è stato condannato alla pena di morte per la fornitura di olio di cannabis per aiutare i pazienti affetti da malattie come il cancro e la leucemia, il fatto ha causato grande indignazione .

Questa agitazione ha portato ad una petizione su Change.org chiedendo al governo di invertire la sentenza di Mohamad e cambiare le leggi che governano cannabis ad uso medico. La petizione è stata firmata da più di 63.000 persone.

Il governo malese ha deciso di rimuovere il caso di pena capitale per Mohamad, e le prime discussioni per modificare le leggi sono iniziate la scorsa settimana. 

Il Ministro dell’acqua, terre e delle risorse naturali, Xavier Jayakumar,  ha detto che aveva discusso brevemente il valore medicinale della cannabis in una riunione. Il crescente sostegno alla legalizzazione della cannabis ad uso medico sarà ” una battaglia in salita”, ha detto.

“E ‘stato fatto in alcuni paesi” ,  ha detto Jayakumar, a Bloomberg. “Se sarà usata per scopi medicinali, può essere usata. Non per scopi sociali, ma per scopi medicinali, sì, deve essere permesso di essere usata. “

I benefici della cannabis sono stati dibattuti a lungo. Gli studi hanno scoperto che è un modo efficace per alleviare il dolore cronico. La ricerca ha anche dimostrato che la marijuana può fermare la diffusione del cancro, diminuire l’ansia e può aiutare a controllare le convulsioni.

Se la Malesia adottasse la misura della Cannabis diventerebbe il primo paese asiatico a regolare il suo uso terapeutico. 

Ricordiamo che a metà ottobre sarà il Canada che legalizzerà l’uso ricreativo, diventando il primo Paese del G7 e del G20 a legalizzare e regolamentare la marijuana, e il secondo paese al mondo dopo l’Uruguay.

(Visited 21 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
51 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *