Negli Stati Uniti si lavora per una legge sulla Canapa Industriale a livello federale

45 Condivisioni

La legislazione federale che legalizzerebbe la canapa industriale negli Stati Uniti è rapidamente avanzata al piano del Senato.

Presentata dal leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell (R), la legge proposta (la legge sulla canapa agricola del 2018 ) eliminerebbe la canapa, fino ad un contenuto dello 0,3% di THC, dall’elenco delle sostanze controllate federali, legalizzando in modo efficace la sua coltivazione e produzione. In gran parte a causa del disegno di legge presentato dal leader della maggioranza del Senato, è stato seguito rapidamente dal processo del comitato e direttamente al piano del Senato. Ciò è possibile attraverso l’uso di una mossa procedurale nota come Regola 14. Sebbene la mossa non garantisca che la misura riceverà un voto al Senato, lo rende incredibilmente probabile.

Approfondimento:  Cannabis terapeutica, EraSuperba.it incontra pazienti e produttori genovesi: le immagini e le testimonianze

“Legittimando la canapa e autorizzando gli Stati a condurre i propri piani di sorveglianza, possiamo dare all’industria della canapa gli strumenti necessari per creare posti di lavoro e nuove opportunità per agricoltori e produttori in tutta la contea”, ha detto McConnel in un comunicato che annunciava la presentazione della legge. La misura è sponsorizzata dai senatori Ron Wyden (D), Rand Paul (R) e Jeff Merkley (D).

Oltre a legalizzare la canapa a livello federale, il disegno di legge consente agli stati di determinare le proprie leggi sulla canapa e le normative sulla canapa. Coloro che desiderano effettuare ricerche sulla canapa potrebbero ricevere una licenza dal dipartimento dell’agricoltura.

Approfondimento:  E' Ufficiale: Lorenzo Fontana alle Politiche AntiDroga (nonostante i 5 Stelle si siano dichiarati contrari)

(Visited 37 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT