Nevada: la legalizzazione ha aumentato di 1 miliardo di dollari l’impatto sull’economia dello stato

141 Condivisioni

L’industria legale della cannabis del Nevada ha generato circa 1 miliardo di dollari di attività produttiva totale per l’economia dello stato nel suo primo anno di vendite ricreative legalizzate, afferma un importante gruppo industriale.

Lo stato ha registrato 529,9 milioni di dollari in vendite di cannabis tassabili durante l’anno fiscale che è terminato il 30 giugno. (Le vendite di cannabis per uso adulto sono iniziate il 1 ° luglio 2017). Di questo, $ 424,9 milioni sono state vendite ricreative dello stabilimento e gli altri $ 105 milioni in vendite proveniva dai quasi 16.000 possessori di carte mediche dello stato.

Con 989,7 milioni di dollari in contributi totali all’economia – comprese le imprese ausiliarie che riforniscono, equipaggiano e proteggono le compagnie di cannabis – l’industria ha anche portato 8.300 posti di lavoro equivalenti a tempo pieno allo stato, ha detto l’Associazione del Dispensario del Nevada. Di questa somma, l’industria ha generato 443,3 milioni di dollari in reddito da lavoro diretto, indiretto e indotto.

“Ho sognato per questo giorno per molto tempo, e onestamente non pensavo che saremmo arrivati ​​qui”, ha detto John Restrepo, direttore della RCG Economics di Las Vegas, la società che ha condotto l’analisi economica per NDA. “E ‘stato un anno forte.”

Con circa 6.000 posti di lavoro nell’industria diretta, la cannabis nello Stato è cresciuta fino a rappresentare più posti di lavoro delle utility del Nevada e delle industrie dell’edilizia residenziale, ed è ora alla pari con il numero di posti di lavoro nel settore contabile e delle buste paga dello stato, ha detto Restrepo.

Entrate fiscali serie in arrivo

I funzionari statali hanno annunciato all’inizio di quest’anno che il Nevada ha raccolto $ 69,8 milioni di entrate fiscali dalla cannabis durante l’anno fiscale 2017-2018. Lo stato mantiene un’accisa del 10% sulle vendite di cannabis ricreative e un dazio del 15% sulle spedizioni all’ingrosso di cannabis da coltivatori e produttori a negozi al dettaglio.

Ma Restrepo ha avvertito che la tassazione della pianta avrà un ruolo “significativo” nella crescita. Le aliquote fiscali medie superano il 33% in tutto lo stato (quando si aggiungono le tasse municipali locali al morso del 25% dello stato) e raggiungono il 38% nei comuni con tassi locali più elevati. Restrepo non è stato l’unico a suggerire che il futuro dell’industria della cannabis del Nevada potrebbe dipendere da come la pianta è tassata.

Il mercato illecito sopravvive ancora

Andrew Jolley, presidente dell’associazione dei dispensari statali, ha stimato che il mercato illegale attualmente supera la cannabis legale in Nevada di almeno tre volte a causa dei prezzi più bassi per strada.

“È stato molto divertente e molto eccitante, ma non siamo perfetti come industria”, ha detto Jolley. “Penso che ci siano sicuramente cose che possiamo fare meglio.”

John Ritter, che fa parte del consiglio di amministrazione del The Grove Dispensary di Las Vegas, è stato uno degli unici due membri del settore nominato dal Nevada Gov. Brian Sandoval lo scorso anno in una task force sulla marijuana, ha definito commercianti illegali “il più grande concorrente del suo dispensario” “.

“Per aiutare le nostre imprese a sopravvivere, dobbiamo combattere il mercato nero”, ha affermato. “Questo è importante per noi.”

FONTE: LEAFLY

 

SCARICA IL MENSILE DELL’ASSOCIAZIONE FREEWEED:

 

(Visited 95 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *