New York sempre più vicina alla legalizzazione

181 Condivisioni

La depenalizzazione della cannabis a New York è una realtà che progredisce sempre più velocemente. Gli argomenti sono vari: un potenziale di 300 milioni di dollari in tasse, posti di lavoro per i settori meno favoriti e riduzione delle sentenze a centinaia di persone che di solito costituiscono minoranze. 

Il più entusiasta era stato il senatore Gustavo Rivera , che presiede il comitato per la sanità del Parlamento e ha detto che gli effetti positivi della legalizzazione della marijuana per uso ricreativo sono “schiaccianti” e superano gli aspetti negativi . Rivera ritiene che il consumo di tabacco e alcol porti conseguenze più negative per la salute e, anche così, “nessuno viene fermato per comprare o consumare tabacco o sigarette”.

Le ragioni che convincono Rivera sono culturali: il senatore assicura che l’attuale proibizione della marijuana ha “un impatto sproporzionato tra la comunità latina e afro-americana” e nei quartieri più poveri.

“L’intenzione di questa legge è di regolare, controllare e tassare la marijuana in modo simile all’alcol, generare milioni di dollari in benefici, impedire l’accesso alla marijuana ai minorenni sotto i 21 anni, ridurre il mercato illegale e il crimine violento ( …) riducendo l’impatto sproporzionato sulle comunità razziali, creando nuove industrie e aumentando l’occupazione “, afferma l’ultima proposta redatta dal senatore Liz Krueger e approvata da Rivera.

Il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha promesso di approvare il consumo ricreativo dell’impianto nei primi 100 giorni di quest’anno e si unirà, in questo modo, agli stati che già regolano: Alaska, California, Colorado, Maine, Massachusetts, Michigan, Nevada, Oregon, Vermont e Washington. L’avanzata della sua legalizzazione ha innescato il business legato alla marijuana in tutto il paese, e la Grande Mela non vuole rimanerne fuori .

Aziende in Borsa

Una di queste è il Canadian Tilray, che ha debuttato a luglio sul New York Stock Exchange e, immediatamente, il suo valore è salito oltre il 30%. La sua svolta solleticato gli appetiti delle multinazionali come Anheuser-Busch InBev, il più grande produttore di birra al mondo, che a dicembre ha raggiunto un accordo con Tilray per indagare lo sviluppo delle bevande non alcoliche, compresi i componenti della marijuana.

E sembra che nessuno vuole per essere lasciato indietro nella corsa per il nuovo Eldorado e ancora meno, grandi gruppi come Altria, produttore di marchi come Marlboro, che a dicembre ha annunciato l’acquisto del 45% della canadese Crono.

Constellation Brands, il gruppo che produce la birra Corona, ha anche investito $ 4 miliardi nell’agosto del 2018 in Canopy Growth, rivale di Crono.

Le stelle della marijuana nella nuova bolla finanziaria: i produttori di cannabis aumentano al ritmo del bitcoin. E la legalizzazione a New York porterebbe solo buone notizie per i proprietari del mercato.

Di Rama

FONTE: LaMarijuana

(Visited 88 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *