Parlamento Europeo: Commissione per l’Ambiente vota per l’autorizzazione della cannabis ad uso medico

95 Condivisioni

Come rivelato lo scorso agosto, il Parlamento europeo sta attualmente studiando la questione della cannabis medica in seno alla commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare. Quest’ultimo ha presentato una proposta di risoluzione sulla cannabis medica che suggerisce una possibile legislazione europea sull’uso terapeutico della cannabis.

La prima fase dell’adozione della risoluzione è avvenuta ieri all’interno della Commissione e ha visto la proposta approvata a larga maggioranza: 54 favorevoli, 1 contrario e 3 astensioni.

La prossima votazione si svolgerà l’11 dicembre prossimo in sessione plenaria. La commissione presenterà i risultati del suo lavoro e proporrà la sua risoluzione al voto di tutti i membri del Parlamento europeo.




Se la risoluzione fosse adottata, l’Europa avrebbe un quadro legislativo che regola la cannabis medica. Questo quadro sarebbe vincolante per gli Stati membri senza necessariamente essere vincolante. Per i dettagli del testo proposto, puoi leggere la nostra decrittografia precedente .

Il testo originale , nel corso degli emendamenti , proposto dai membri del comitato seguente: Dubravka Suica Guillaume Balas (crowing un membro di Frenchie Génération.s!), Urszula Krupa, Catherine Bearder, Martin Häusling, Estefania Torres Martínez Piernicola Pedicini.

Riconoscimento dello stato delle cose

Prima di tutto, il rapporto riconosce che la cannabis è composta da composti psicoattivi e non psicoattivi, composti che creano dipendenza e non assuefazione e riconosce l’esistenza delle virtù terapeutiche di alcuni cannabinoidi su un gran numero di patologie. Il Comitato nota il crescente interesse per i farmaci a base di cannabis, ma esprime tuttavia preoccupazione per la confusione del termine “cannabis medica” e raccomanda di distinguere la cannabis a base di fiori derivati ​​dalla cannabis che sono stati testati clinicamente e approvato da agenzie di regolamentazione farmaceutica.

La relazione prosegue affermando che il diritto internazionale non vieta l’uso di prodotti a base di cannabis come terapia, ma che le leggi nazionali sono molto divergenti in materia, che nello spazio Schengen potrebbero essere problematiche per trattamento dei pazienti. In effetti, alcuni pazienti potrebbero trovarsi nella legalità da un lato del confine e i criminali dall’altro. Solo il Sativex è stato finora oggetto di una procedura centralizzata, da cui la sua autorizzazione all’immissione in commercio per il forcipe in Francia e il suo blocco , ma non sulla scala dell’intero mercato europeo.




Approfondimento:  In quale Stato Europeo si consuma più Cannabis?

La relazione prosegue citando l’assenza o scarsità di formazione professionale del personale medico sulla questione e ritiene che la ricerca scientifica sulla cannabis medica sia stata sottofinanziata e dovrebbe essere affrontata di conseguenza durante il prossimo 9 ° programma quadro. che determina i programmi di ricerca e innovazione dell’Unione europea. Invita inoltre gli Stati membri ad avviare programmi di ricerca, a stimolare le innovazioni sulla cannabis terapeutica e a formare il personale.

Per una soluzione europea

I parlamentari intendono sviluppare una strategia europea che armonizzi gli standard di ricerca, sviluppo, autorizzazione, marketing, farmacovigilanza e prevenzione degli abusi per i medicinali a base di cannabis. La legislazione armonizzata fornirebbe prodotti e regolamenti standardizzati in tutta l’UE e quindi fornirebbe ai pazienti un farmaco verificato che garantisca la qualità.

Essa sottolinea gli effetti positivi sulla salute e la sicurezza pubblica che un tale quadro giuridico potrebbe fornire “regolamentazione completa della cannabis medica potrebbe fornire risorse aggiuntive per le autorità pubbliche limitano il mercato nero del consumo di cannabis medica, contribuire alla il controllo dei punti vendita, limitare l’accesso a questo materiale ai minori e dare ai pazienti un accesso sicuro e legale per l’uso medico della cannabis – con particolare attenzione per i giovani e le donne in stato di gravidanza “.

Le chiamate di testo della Commissione europea di creare un reparto di cannabis terapeutica per centralizzare proposte di regolamento e di avere una visione d’insieme di informazioni, scambi, studi e, in generale, tutto ciò che riguarda la cannabis medico. Su questo punto, ha sottolineato l’importanza della cooperazione con l’OMS, che sta attualmente lavorando sulla revisione dello stato di cannabi s, e suggerisce la creazione di una rete di coordinamento “stabilire una rete di AEM, l’OEDT e le autorità nazionali competenti, al fine di garantire l’effettiva attuazione della strategia sui farmaci a base di cannabis. “




Approfondimento:  L'incredibile mancanza delle Ass. di Consumatori nelle prime Audizioni della PdL per la Cannabis Legale - Diretta WebTV

I deputati chiedono inoltre agli Stati membri di riconsiderare la loro attuale legislazione sulla questione non appena la ricerca scientifica sia sufficientemente sviluppata per dimostrare con certezza che la farmacologia della cannabis è una necessità sanitaria e un diritto che i pazienti hanno in atto in assenza di altri farmaci. efficace. Su questo punto, stabiliscono il dovere di ogni Stato di garantire un accesso sicuro e legale al farmaco, accompagnato da un follow-up da parte di medici professionisti, per tutti i pazienti bisognosi. Per garantire i diritti dei pazienti, agli Stati membri sarà richiesto di creare una produzione locale o un sistema di importazione affidabile e di integrare la droga nel sistema sanitario sociale esistente.

Caso da seguire

La proposta di risoluzione dei deputati al Parlamento europeo, una relazione di iniziativa nei parlamenti europei, proviene dalla commissione parlamentare competente in materia di salute. Una volta emendato dai parlamentari, il testo dovrà essere presentato alla Commissione europea che dovrà approvarlo affinché continui il corso legislativo tradizionale, ovvero discusso e modificato dal Parlamento e dal Consiglio dei ministri, sia adottato direttamente.

Se la risoluzione, al termine di un lungo processo che potrebbe durare più di otto mesi, sarà adottata, si imporrebbe quindi agli Stati membri.

(Visited 183 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT