Il Senato delle Hawaii lavora per la regolamentazione della cannabis

76 Condivisioni

Il senato delle Hawaii approva una legislazione avanzata che renderebbe la marijuana legale per quelli di 21 anni e più.

Secondo il sito ufficiale della Legislazione delle Hawaii, il  Senato Bill 2683 è  stato introdotto il Venerdì e “Passed First Reading” ieri.

Il provvedimento è stato presentato dal senatore Kalani English (D) ed è co-sponsorizzato dai senatori Russell Ruderman (D), Brickwood Galuteria (D) e Gil Keithagaran (D).




La proposta “legalizza l’uso personale, il possesso e la vendita di marijuana in una quantità specificata”.

“Richiede la licenza per operare per gli stabilimenti di marijuana”, e per “I soggetti che stabiliscono stabilimenti di marijuana per accise le tasse e le imposte sul reddito”.

Approfondimento:  Rapporto Federale: Non esiste evidenza scientifica che porti validità ai test che misurano “la guida sotto effetto di cannabis”

Il Senato Bill 2683, che è  stato approvato per la prima lettura, viene presentato nello stesso giorno in cui il Vermont diventa ufficialmente il nono stato per legalizzare la marijuana , e il primo a farlo sempre attraverso la loro legislatura e governatore (piuttosto che attraverso il processo di iniziativa).




Arriva anche meno di sei mesi dopo che il primo dispensario di cannabis medica delle Hawaii ha aperto i battenti , cosa che è stata resa possibile grazie a una legislazione approvata dai legislatori nel 2015 (un voto che è arrivato a 15 anni dalla legalizzazione della cannabis medica).

Il Senato Bill 2683  deve ora essere passato attraverso diverse commissioni e letture al Senato e alla Camera dei Rappresentanti prima che possa essere inviato al Governatore David Ige per essere preso in considerazione.

Approfondimento:  La Corte Suprema del Messico apre alla regolamentazione della Cannabis

(Visited 82 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT