Stati Uniti: Il Presidente Trump “silura” il procuratore generale anti-cannabis Jeff Sessions

57 Condivisioni

Articolo di  per CannabisNow.com

 

Il governo degli Stati Uniti è diventato un po’ più favorevole alla cannabis di quanto non sia stato negli ultimi due anni. Il Procuratore Generale Jeff Sessions, l’uomo che affermò che “il bravo popolo non fuma marijuana”, martello delle forze dell’ordine dell’amministrazione Trump, si è dimesso dal suo incarico.

I rapporti  indicano che il proverbiale kill switch è stato tirato nientemeno che dal Presidente Trump dopo mesi di frustrazione con l’ex procuratore generale e la sua incapacità di ottenere il controllo del Dipartimento di Giustizia. La notizia della partenza arriva appena un giorno dopo che i democratici hanno riconquistato il controllo della Camera degli Stati Uniti e le vittorie di legalizzazione della marijuana hanno spazzato via parti del Midwest.

“Su vostra richiesta, sto sottoponendo le mie dimissioni”, ha scritto Sessions   in una lettera al presidente. “Dal giorno in cui sono stato onorato di giurare come Procuratore Generale degli Stati Uniti, sono venuto ogni giorno a lavorare al Dipartimento di Giustizia deciso a fare il mio dovere e servire il mio paese. L’ho fatto al meglio delle mie capacità, lavorando per supportare i processi giuridici fondamentali che sono il fondamento della giustizia “.

Sessions non ha mai servito la volontà della gente. Trascorse il suo tempo da senatore dell’Alabama a predicare la follia dei reefer a Capitol Hill e  uscì dalla porta  come procuratore generale pronto a fermare tutti i progressi compiuti dalla legalizzazione della marijuana negli ultimi vent’anni. Fin dal primo giorno ha sputato assurdità costante ai media per tornare ai giorni della campagna “Just Say No” di Nancy Reagan, senza mai perdere un’opportunità di predicare al popolo americano su come la cannabis fosse la radice dei problemi di droga del paese, in particolare dell’epidemia di oppiacei.

Inoltre, Sessions era irremovibile nell’applicare l’agenda antidroga di Zio Sam, sostenendo che mentre gli stati avevano il diritto di stabilire leggi sulla marijuana, il suo compito era “seguire la legge federale”. Alla fine, verso la metà del 2017, il Dipartimento di Giustizia stava prendendo in considerazione una “repressione federale” sugli stati che avevano legalizzato la marijuana per uso ricreativo. C’era la speculazione che Sessions stava aspettando di coinvolgere gli stati di marijuana medica prima di premere il grilletto. Ma questo non è mai accaduto a causa di un progetto pilota temporaneo del budget noto come gli emendamenti Rohrabacher-Farr e Rohrabacher-Blumenauer che sono rimasti in piedi negli ultimi anni.

Sessions alla fine ha  chiesto petizioni ai  leader del Congresso nella speranza di persuaderli a gettare via le protezioni contro la marijuana medica nel nuovo bilancio. In una lettera il procuratore generale disse ai legislatori federali che era “poco saggio per il Congresso limitare la discrezionalità del Dipartimento a finanziare particolari procedimenti giudiziari” e che “il Dipartimento deve essere in grado di utilizzare tutte le leggi disponibili per combattere la droga e le organizzazioni ed i pericolosi trafficanti di droga che minacciano la vita americana “.

Fortunatamente il Congresso non si è piegato alla sua richiesta.

Non è stato fino all’inizio del 2018 che Sessions ha iniziato a far funzionare davvero l’industria della cannabis sul suo cosiddetto giro di vite. A gennaio, Sessions ha svolto la sua follia di prim’ordine  revocando un memo dell’era di Obama  (Cole memo) che, dal 2013, aveva permesso agli stati di legalizzare la marijuana senza interferenze federali.  “Dati i principi generali consolidati del Dipartimento, le precedenti indicazioni a livello nazionale per l’applicazione della marijuana non sono necessarie e vengono annullate, immediatamente “, ha scritto Sessions in una nota ai pubblici ministeri federali.

Il messaggio generale alla base del promemoria era “Happy New Year, potheads. Stiamo venendo per te. “

I membri del Congresso che rappresentavano gli stati di marijuana legali alla fine hanno iniziato a bombardare il presidente Trump a proposito del suo procuratore generale, implorandolo di smettere con le minacce. Alcuni credono che tutto questo brutto rumore alla fine abbia ispirato Trump a trascinare giù Sessions dal suo cavallo e impedirgli di opprimere il commercio della cannabis. Il presidente Trump ha detto ai giornalisti durante l’estate che avrebbe “probabilmente” appoggiato un piano per legalizzare la marijuana a livello nazionale. Questo commento è stato fatto senza prima consultare il procuratore generale. Non passò molto tempo dopo che il regno vocale del terrore di Sessions contro tutte le cose legate alla scena della cannabis si arrestò bruscamente.

Molti esperti legali, tra cui l’ex procuratore generale degli Stati Uniti James Cole, l’uomo responsabile per la stesura del Cole Memo, hanno detto che le minacce di Sessions di abbattere la marijuana legale erano tutte chiacchiere. Sebbene Cole ammettesse che Sessions avesse l’autorità per scatenare una tale repressione, non era probabile che ciò accadesse.

Persino dopo che il  Canada ha legalizzato la marijuana per scopi ricreativi   ha preso una posizione dura contro questo tipo di riforma negli Stati Uniti. 

Alcuni ritengono che Trump abbia chiesto che Sessions si dimettesse come un modo per  distruggere la sonda russa  ora che i Democratici hanno il potere di accelerare le indagini. Qualunque siano le sue ragioni, Sessions è fuori, e per quanto ci riguarda è una bella liberazione!

“Il procuratore generale Jefferson Sessions è stato un disonore nazionale”, ha dichiarato Erik Altieri, direttore esecutivo di NORML, in una dichiarazione inviata per posta elettronica. “NORML spera di trovare il tempo durante la sua pensione per cercare un trattamento per la sua afflizione della follia del reefer degli anni ’50”.

Sessions viene sostituito dal suo capo di stato maggiore Matthew Whitaker, che fungerà da procuratore generale in carica fino a quando Trump non troverà un sostituto permanente. Quanto tempo ci vorrà non è chiaro.

“Siamo lieti di annunciare che Matthew G. Whitaker, capo dello staff del procuratore generale Jeff Sessions presso il Dipartimento di Giustizia, diventerà il nostro nuovo procuratore generale degli Stati Uniti”, ha dichiarato Trump   in un Tweet. “Servirà bene il nostro paese … Ringraziamo il procuratore generale Jeff Sessions per il suo servizio, e gli auguriamo ogni bene! Un sostituto permanente verrà nominato in una data successiva. “

(Visited 169 times, 4 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  CARICOM: si procede verso una nuova regolamentazione della Cannabis?
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT