Studio: i cannabinoidi possono aiutare a trattare l’infiammazione intestinale

Esiste “un’abbondante letteratura preclinica che dimostra gli effetti anti-infiammatori dei farmaci cannabinoidi sull’infiammazione intestinale”, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Inflammatory Bowel Disease.

Per lo studio, i ricercatori “hanno rivisto sistematicamente le pubblicazioni a beneficio dei farmaci che miravano al sistema endocannabinoide nell’infiammazione intestinale”. “Hanno confrontato gli studi che hanno esaminato i risultati della meta-analisi di EMBASE, MEDLINE e Pubmed fino a marzo 2017. La qualità è stata valutata in base al punteggio mSTAIR e SRYCLE.”

Per lo studio, ”   abbiamo identificato 51 pubblicazioni che hanno esaminato l’effetto dei composti cannabinoidi sulla colite murina e 2 studi clinici. Ventiquattro composti sono stati valutati in 71 endpoint. Il fitocannabinoide cannabidiolo era il composto più studiato. “

I ricercatori hanno scoperto che i cannabinoidi riducevano significativamente il tasso di attività della malattia per la colite. Tra gli studi che hanno esaminato, non hanno trovato “prove di bias dei rapporti” e hanno riferito che “non sono state trovate differenze significative tra l’uso profilattico e terapeutico dei farmaci cannabinoidi”.

Lo studio si conclude dicendo che “C’è un’abbondante letteratura preclinica che dimostra gli effetti anti-infiammatori dei farmaci cannabinoidi sull’infiammazione intestinale. Sono garantiti studi controllati randomizzati di maggiori dimensioni. “

Lo studio completo, condotto da ricercatori dell’Università di Nottingham nel Regno Unito, può essere trovato  cliccando qui  .

(Visited 186 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
137 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Studio: i cannabinoidi possono aiutare a trattare l’infiammazione intestinale”