Studio: Cannabis come promettente trattamento per l’Autismo

La comunità scientifica ha lottato per acquisire una solida conoscenza sui bambini affetti da autismo. Poiché questa condizione colpisce ogni bambino in modo diverso non è stata ancora sviluppata un’opzione di trattamento generale per dare ai medici un punto di partenza quando si tratta di questi pazienti. Vi sono prove aneddotiche che suggeriscono che la cannabis potrebbe essere parte della soluzione – simile a come è per l’epilessia – tuttavia ai ricercatori americani è stato impedito di scavare più a fondo nei possibili benefici.

Ma non tutto è perduto. Gli scienziati in Israele sembrano aver scoperto la prova definitiva che la cannabis ad uso medico possa aiutare i bambini autistici ad affrontare i peggiori sintomi e vivere una migliore qualità della vita.

I ricercatori della Ben-Gurion University of the Negev (BGU) e del Soroka University Medical Center hanno scoperto che l’olio di cannabis è un rimedio efficace per il disturbo dello spettro autistico (ASD), una condizione caratterizzata da un numero di problemi sociali e comportamentali. L’ultimo studio, pubblicato su Scientific Reports, rileva che molti dei sintomi correlati a questa condizione, tra cui tic, depressione e attacchi di rabbia, erano diminuiti nei pazienti dopo aver ricevuto olio di cannabis.

“Complessivamente oltre l’80% dei genitori ha riportato un miglioramento significativo o moderato nel loro bambino”, ha detto in una dichiarazione Lihi Bar-Lev Schleider, autore dello studio principale .

Nel giro di sei mesi il 30% dei pazienti ha riportato miglioramenti sostanziali, mentre oltre il 53% ha mostrato miglioramenti a livelli moderati. Solo il 15 percento non ha risposto favorevolmente alla terapia con olio di cannabis. Un’ulteriore ripartizione mostra che circa il 40 per cento era in grado di fare la doccia e vestirsi dopo un trattamento. Inoltre quasi il 30 percento dei pazienti ha riferito di avere un sonno migliore e si è verificato un aumento vicino al 10 percento della capacità di concentrazione.

Quindi quale percentuale di olio di cannabis è stata data ai pazienti per fornire questi risultati?

Lo studio indica che la maggior parte è stata data una miscela di 30% di cannabidiolo ( CBD ) e 1,5% di tetraidrocannabinolo (THC). Alcuni studi hanno dimostrato che la combinazione dei due componenti primari della pianta può fornire risultati migliori del solo CBD.

Tuttavia i ricercatori ritengono che sia necessario lavorare di più prima di avere una solida conoscenza di come questo trattamento possa aiutare i pazienti con Autismo.

“Mentre questo studio suggerisce che il trattamento con la cannabis è sicuro e può migliorare i sintomi ASD e migliorare la qualità della vita dei pazienti ASD, riteniamo che gli studi in doppio cieco controllati con placebo siano cruciali per una migliore comprensione dell’effetto cannabico sui pazienti”, ha affermato il dott. Victor Novak che ha lavorato allo studio.

Va notato che l’olio di cannabis utilizzato in questo studio è derivato dalla pianta di cannabis con THC presente e non limitato (quella purtroppo ancora illecita oggi nel nostro paese) e non è il prodotto a base della cannabis senza principio attivo.

Questo articolo è originariamente apparso in The Fresh Toast , un partner di contenuti di Green Entrepreneur.

(Visited 126 times, 2 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
171 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *