Studio: i terpenoidi della cannabis “esercitano attività antiinfiammatoria e antinocicettiva in vitro e in vivo”

I terpenoidi derivati ​​dalla cannabis “esercitano attività antinfiammatoria e antinociceptiva  in vitro  e  in vivo” , secondo un nuovo studio pubblicato dal National Institute of Health.

“I cannabinoidi  sono ben noti per avere effetti anti-infiammatori nei mammiferi; tuttavia, la pianta di cannabis contiene anche altri composti come i terpenoidi, i cui effetti biologici non sono ancora stati caratterizzati”, afferma l’abstract dello studio, che è stato condotto da ricercatori dell’Università ebraica di Gerusalemme

Con questo in mente, lo scopo di questo studio “era di confrontare le proprietà antinfiammatorie dei terpenoidi con quelli del cannabidiolo (CBD)”.

Per lo studio “Gli oli essenziali preparati da tre monoidi chemiotipi non psicoattivi di Cannabis sono stati analizzati per il loro contenuto di terpenoidi e successivamente studiati farmacologicamente per le loro proprietà anti-infiammatorie  in vitro  e  in vivo “.

In vitro, “i tre oli essenziali ricchi di terpenoidi hanno parzialmente inibito la produzione di ossigeno reattivo intermedio e di ossido nitrico (NO  ) nei RAW 264.7 macrofagi stimolati.” I tre oli ricchi di terpenoidi “esercitavano moderate attività anti-infiammatorie in un   anti- vivo -il modello infiammatorio senza incidere sui livelli sierici del fattore di necrosi tumorale (TNFa). “

Nella loro conclusione, i ricercatori affermano che “I diversi chemiotipi di Cannabis hanno mostrato composizioni distinte di terpenoidi. Gli oli essenziali ricchi di terpenoidi svolgono attività antinfiammatoria e antinociceptiva  in vitro  e  in vivo , che variano in base alla loro composizione. “

Nonostante l’apparente efficacia dei terpenoidi, “Nessuno degli oli essenziali era efficace quanto il CBD purificato. Al contrario del CBD che esercita una prolungata immunosoppressione e potrebbe essere usato nell’infiammazione cronica, i terpenoidi hanno mostrato solo una immunosoppressione transitoria e potrebbero quindi essere usati per alleviare l’infiammazione acuta. “

Per maggiori informazioni su questo studio, clicca qui .

(Visited 300 times, 1 visits today)

Post Correlati

Trovi interessante questa notizia?
387 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *