Studio: L’uso di Cannabis non ha impatto significativo sulle strutture cerebrali

74 Condivisioni

Sempre più studi stanno emergendo che indagano sui possibili danni e benefici del consumo di cannabis. Un nuovo studio suggerisce che l’alcol, quando si tratta del nostro cervello, è più dannoso.

I ricercatori dell’Università del Colorado di Boulder hanno condotto una revisione delle ricerche e delle informazioni esistenti che analizzano gli effetti dell’alcool e della cannabis sul cervello. Tra i loro risultati hanno scoperto che il consumo di alcol produce cambiamenti a lungo termine nella struttura delle sostanze bianche e grigie del cervello.

Hanno anche studiato questo stesso fatto con l’uso di cannabis e hanno scoperto che non c’erano effetti significativi a lungo termine sulla struttura del cervello. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Addiction di Rachel Thayer , leader della ricerca.

Il forte movimento esistente e le leggi che cambiano verso una legalizzazione o depenalizzazione in tutto il mondo fanno sì che i ricercatori provino a scoprire di più sul consumo di cannabis e la nostra salute.

I ricercatori hanno anche scoperto che i fitocannabinoidi, presenti nella cannabis,  possono prevenire l’ emicrania .

Rachel Thayer, i suoi colleghi dell’Università del Colorado e il ricercatore Kent Hutchison di Psicologia e Neuroscienze, nonché coautore dello studio, hanno cercato di saperne di più su come l’uso della marijuana influisce sul cervello. Gli studi che hanno studiato questa associazione producono risultati misti.

Approfondimento:  Uno Studio espone come la Cannabis agisce contro il Cancro

“Quando guardi questi studi degli ultimi anni”, spiega, “vedi che uno studio riferirà che l’uso di marijuana è correlato a una riduzione del volume dell’ippocampo. Quindi appare il seguente studio, e dicono che l’uso di marijuana è legato ai cambiamenti nel cervelletto […] “. “Il punto è che non c’è coerenza in tutti questi studi in termini di strutture cerebrali reali”, dice.

Dopo questo i ricercatori hanno eseguito una nuova analisi dei dati e delle immagini del cervello compilati dai diversi studi. È stato analizzato il modo in cui l’uso di cannabis influisce sulla materia bianca e sulla materia grigia in confronto agli effetti del consumo di alcol, con cui abbiamo familiarità.

Il team osserva che qualsiasi tipo di diminuzione o perdita, sia di sostanza grigia che bianca, provoca alterazioni nel funzionamento del cervello. “Con l’alcol, sappiamo che fa male al cervello da decenni”, dice Hutchison. “Ma per la cannabis, sappiamo molto poco.”

L’uso di cannabis non ha avuto alcun impatto significativo

Lo studio ha incluso oltre 800 immagini di cervelli di persone tra i 18 e i 55 anni e 440 altre immagini di giovani tra i 14 ei 18 anni, tutte alterate dal consumo di alcol e cannabis.

Approfondimento:  Una Crociera "con la Cannabis" nel mar dei Caraibi

La ricerca ha rilevato che bere alcolici per anni, negli adulti, era associato a una riduzione del volume della materia grigia, oltre a una diminuzione dell’integrità della sostanza bianca.

L’uso della cannabis non sembra avere alcun impatto significativo sulla struttura della materia grigia o bianca negli adolescenti o negli adulti.

I ricercatori dello studio ritengono che il consumo di alcol sia molto più dannoso per la salute del cervello rispetto all’uso di cannabis.

“[…] anche se la cannabis potrebbe avere anche alcune conseguenze negative, sicuramente non si avvicina alle conseguenze negative dell’alcol”, ha detto Kent Hutchison.

Tra i benefici del consumo di cannabis, Rachel Thayer e i suoi colleghi hanno affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per giungere a conclusioni certe.

(Visited 557 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT