Studio: Uso di cannabis a lungo termine non aumenta il rischio di compromettere la funzione polmonare

102 Condivisioni

L’uso a lungo termine della cannabis non è associato a una diminuzione della funzionalità polmonare e può ridurre il rischio di enfisema, secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista  Chronic Ostructive Pulmonary Diseases .

Per lo studio i ricercatori hanno esaminato la relazione tra l’uso a lungo termine della cannabis e la salute polmonare in 2.300 pazienti di età compresa tra i 40 e gli 80 anni.

“Questa analisi trasversale dei partecipanti arruolati nella coorte SPIROMIC è stata eseguita per indagare le relazioni tra uso di cannabis e funzione polmonare ed eventuali sintomi”, afferma lo studio, che osserva che “Gli iscritti sono stati accuratamente selezionati e reclutati in base alla storia di uso del tabacco e funzione spirometrica “.




Secondo i ricercatori “né l’uso corrente né quello precedente della cannabis sono stati associati ad un aumento del rischio di tosse, respiro sibilante o bronchite cronica rispetto ai non utilizzatori dopo l’aggiustamento per le variabili”.

Sia l’uso corrente che quello precedente di cannabis “erano associati a un enfisema quantitativo significativamente inferiore”.

Approfondimento:  Perchè quando usiamo Cannabis, a volte, abbiamo secchezza in bocca?




In accordo con altri studi pubblicati, i ricercatori “hanno scoperto che l’uso di cannabis NON era associato a una malattia polmonare più ostruttiva”.

Il testo completo dello studio può essere trovato cliccando qui . È stato condotto da ricercatori delle seguenti istituzioni:

 

  1. National Jewish Health, Denver, Colorado
  2. Dipartimento di Epidemiologia, Colorado School of Public Health, Università del Colorado Anschutz Medical Campus, Aurora
  3. Divisione di medicina polmonare e terapia intensiva, David Geffen School of Medicine, Università della California a Los Angeles
  4. Divisione di polmonare, terapia intensiva, sonno e allergie, Dipartimento di Medicina e Cardiovascular Research Institute, Università della California a San Francisco, Scuola di Medicina, San Francisco
  5. Dipartimenti di Radiologia, Medicina e Ingegneria Biomedica, Università dell’Iowa, Iowa City
  6. Centro di scienze della salute dell’Università dello Utah, Salt Lake City
  7. Dipartimento di Biostatics and Informatics, Colorado School of Public Health, Università del Colorado Anschutz Medical Campus, Aurora
  8. Divisione di malattie polmonari e medicina di cura critica, Università della Carolina del Nord a Chapel Hill
  9. Columbia University, Division of General Medicine, New York, New York
  10. Sistema sanitario dell’Università del Michigan, Ann Arbor
  11. Università Johns Hopkins, Baltimora, Maryland
Approfondimento:  In Liguria arriva il Mojito alla Canapa

 

È necessario raccogliere più dati epidemiologici sull’esposizione alla cannabis in una popolazione più ampia per comprenderne meglio le variabili sulla salute.

 

(Visited 309 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT