Studio: uso di cannabis associato a maggiore sopravvivenza dei pazienti con infarto

Pazienti con una storia di uso di cannabis che subiscono un attacco di cuore hanno meno probabilità di morire durante il ricovero rispetto a quelli che non hanno cannabis nel loro sistema, secondo un nuovo studio  pubblicato sulla rivista PLoS One, pubblicato dall’Istituto Salute nazionale degli Stati Uniti.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato cartelle cliniche di più di 3.854 pazienti colpiti da attacco cardiaco che hanno ammesso di aver consumato cannabis da poco o che sono risultati positivi al test, e hanno confrontato i dati con 1,273,897 individui simile abbinati, ma non avevano usato cannabis di recente. I ricercatori hanno scoperto che l’uso di cannabis non era associato a esiti avversi per la salute a breve termine; questo è stato trovato dopo aver controllato possibili fattori confondenti, come l’uso di tabacco.

In aggiunta, “i pazienti di marijuana avevano significativamente meno probabilità di morire, sperimentando shock o richiedendo IABP (intra – contropulsazione aortica palloncino) dopo infarto miocardico ( infarto miocardico acuto) rispetto ai pazienti senza l’uso di marijuana , “ dice lo studio.  “Questi risultati suggeriscono che, contrariamente a nostra ipotesi, l’uso di marijuana è stato non associato ad un aumentato rischio di indesiderati esiti a breve termine dopo AMI.”

I ricercatori dicono che ” questi risultati suggeriscono che un ulteriore studio per indagare ulteriormente questi risultati e identificare potenziali meccanismi con cui la marijuana è associata a migliori esiti dopo IMA è giustificato”.

Lo studio completo può essere trovato  cliccando qui  .

(Visited 338 times, 2 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
211 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *