Progetto FreeWeed - Legalizzazione Cannabis

Il THC può curare il danno indotto nel cervello dalla metamfetamina

307 Condivisioni
Una nuova ricerca dimostra THC Impedisce metamfetamina neurotossicità indotta
INVIATO DA 

Fornendo ulteriori prove che la Cannabis è davvero una pianta miracolosa, uno studio recentemente pubblicato nel numero di maggio della rivista PLoS ONE e on-line dal National Institute of Health  ha scoperto un cannabinoide con un interessante segreto: il principale cannabinoide psicoattivo  della Cannabis – il THC , o tetraidrocannabinolo – può potenzialmente ridurre al minimo, se non impedire, il danno cerebrale insidioso causato dal consumo di metamfetamine.

  I cannabinoidi, THC e metamfetamine

Seguendo la metodologia dello studio, “Gli studi preclinici hanno dimostrato che il naturale (Δ9-tetraidrocannabinolo, Δ9-THC) e il cannabinoide sintetico CB1 e CB2 agonisti dei recettori esercitano effetti neuroprotettivi in diversi modelli di danno cerebrale. In questo recente studio i ricercatori hanno studiato l’effetto neuroprotettivo del Δ9-THC sulla neurotossicità indotta da METH esaminando la sua capacità di ridurre l’attivazione degli astrociti e nNOS sovra-espressione nelle aree cerebrali selezionate.

Approfondimento:  La Cannabis può migliorare la vista?

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno sottoposto i ratti esposti a regime neurotossico di metanfetamina (circa due ore di distanza) e sono stati pre-o post-trattati con THC della Cannabis , attraverso i cannabinoidi . I risultati sono stati a dir poco stupefacenti.

“Rispetto ai corrispondenti controlli (i) la METH-indotta nNOS-sovraespressione nel caudato-putamen (CPU) è stata significativamente attenuata dal post-trattamento con entrambe le dosi di Δ9-THC (-19% e -28% per 1 mg pre-e / kg animali pre-e post-trattamento, -25% e -21% per 3 mg / kg pre-e post-animali trattati); (Ii) La METH-indotta GFAP-immunoreattività (IR) è stata significativamente ridotta nella CPU post-trattamento con 1 mg / kg Δ9-THC1 (-50%) e pre-trattamento con 3 mg / kg Δ9-THC (- 53%); (Iii) La METH-indotta GFAP-IR era significativamente diminuita nella corteccia prefrontale (PFC) di pre-e post-trattamento con entrambe le dosi di Δ9-THC (-34% e -47% per 1 mg / kg di pre-e post animali trattati; -37% e -29% per 3 mg / kg pre-e post-animali trattati).

Questi dati hanno lasciato i ricercatori con una sola conclusione: “I nostri risultati indicano che il Δ9- THC riduce il danno al cervello indotto da METH, attraverso l’inibizione dell’espressione nNOS e l’attivazione degli astrociti attraverso meccanismi CB1-dipendente e indipendente. “

Approfondimento:  A San Francisco apre la prima palestra "Cannabis-friendly"

Visualizza il rapporto completo dello Studio qui .

Fonte: Marijuana.com

(Visited 368 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT