Top Ten 2017 – I 10 Studi più importanti del 2017 sulla Cannabis

36 Condivisioni

Continuando la tendenza degli ultimi anni il 2017 ha prodotto una miriade di importanti studi relativi alla cannabis che mostrano che la pianta è benefica in una vasta gamma di situazioni. 

L’enorme quantità di ricerche sulla cannabis, revisionate, nel 2017 rende abbastanza difficile restringere gli studi a una lista dei “top 10”.

Tuttavia questo è esattamente ciò che abbiamo fatto.

Di seguito è riportato il nostro elenco dei 10 più importanti studi sulla cannabis dell’anno (in nessun ordine particolare):

 

Uno studio pubblicato  dall’Indiana University South Bend ha  rilevato che l’uso di cannabis è associato a una diminuzione dei tassi di mortalità da obesità, diabete mellito, danno cerebrale taumatico, uso di alcol e farmaci da prescrizione, decessi fatali e decessi per overdose da oppioidi.

Secondo lo studio ci sarebbero “dalle 23.500 alle 47.500 morti annualmente evitate se la cannabis fosse legale a livello nazionale”, e la proibizione della cannabis “è rivelata come una delle principali cause di morte prematura negli Stati Uniti”

 

La legalizzazione statale della cannabis ad uso medico è associata a una riduzione dell’ospedalizzazione da oppioidi, secondo uno studio condotto presso l’Università della California, e pubblicato sia dalla rivista Drug and Alcohol Dependency che dall’Istituto Nazionale della Sanità.

 

Secondo uno studio di  BDS Analytics; “I consumatori di cannabis, si scopre, sono tra gli adulti americani più ben adattati e di successo, sulla base dei risultati del famoso studio di ricerca sui consumatori di cannabis di BDS Analytics, il primo del suo genere nella storia. Lo studio in corso è l’aspetto più completo e dettagliato dei consumatori di cannabis mai condotti “.

 

Anche se le prestazioni della memoria diminuiscono con l’età, la cannabis può invertire questi processi di invecchiamento nel cervello, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine.

“Il trattamento con THC ha completamente invertito la perdita di performance nei vecchi animali”, ha riferito il professor Andreas Zimmer dal  dell’Istituto di Psichiatria Molecolare  presso l’  Università di Bonn  e membro del  Cluster di eccellenza ImmunoSensation .

 

Il cannabidiolo (CBD) ha effetti benefici nei pazienti con schizofrenia, secondo uno studio esplorativo in doppio cieco parallelo pubblicato dall’americano Journal of Psychiatry.

Approfondimento:  Il Governo Olandese punta alla effettiva regolamentazione della Cannabis

“Questi risultati suggeriscono che il CBD ha effetti benefici nei pazienti con schizofrenia”, afferma lo studio. “Poiché gli effetti del CBD non sembrano dipendere dall’antagonismo del recettore della dopamina, questo agente può rappresentare una nuova classe di trattamento per il disturbo.”

 

Solo una singola dose di cannabidiolo (CBD) riduce la pressione sanguigna, indicando che potrebbe giocare un ruolo nel trattamento dei disturbi cardiovascolari, secondo  uno studio pubblicato dalla rivista  JCI Insight .

“Questi dati mostrano che la somministrazione acuta di CBD riduce la PA a riposo e l’aumento di PA allo stress negli esseri umani, associato a un aumento delle FC [frequenza cardiaca]”, afferma i ricercatori. “Questi cambiamenti emodinamici dovrebbero essere considerati per le persone che assumono CBD. Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire se la CBD abbia un ruolo nel trattamento dei disturbi cardiovascolari. “

 

L’attivazione dei recettori cannabinoidi del corpo attraverso l’infusione spinale è efficace nel bloccare il dolore, secondo uno studio pubblicato dalla rivista Regional Anesthesia and Pain Medicine.

 

Le leggi che legalizzano la cannabis a livello statale non sono associate a un aumento del numero di vittime del traffico, secondo una perizia pubblicata sull’American Journal of Public Health.

Per lo studio, i ricercatori dell’Università del Texas-Austin hanno valutato i tassi di mortalità per incidente in Colorado e Washington prima e dopo che gli stati legalizzassero la cannabis per uso adulto e hanno confrontato questi tassi con quelli di otto stati di controllo che non avevano apportato cambiamenti significativi nelle loro leggi sulla cannabis.

“Non abbiamo trovato alcuna associazione significativa tra la legalizzazione ricreativa della cannabis a Washington e in Colorado e successivi cambiamenti nei tassi di mortalità dei veicoli a motore nei primi tre anni dopo la legalizzazione ricreativa della cannabis”, conclude lo studio.

Gli autori non hanno neanche riportato alcuna associazione tra la legalizzazione della cannabis per uso adulto e il numero totale di incidenti non fatali.

 

I cannabinoidi forniscono una potenziale opzione di trattamento per i disturbi associati a ricordi traumatici, secondo uno studio pubblicato sulla rivista European Neuropsychopharmacology, ed pubblicato online prima della stampa dal National Institute of Health degli Stati Uniti.

 

Secondo uno studio pubblicato sul  Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes  ( JAIDS ) e pubblicato online dal  National Institute of Health degli Stati Uniti, il  Δ9-Tetraidrocannabinolo (THC) può aiutare a prevenire il progredire dell’infezione da HIV allo sviluppo dell’AIDS.

Approfondimento:  In Colorado l'industria della Cannabis fattura oltre 1 miliardo di dollari nel 2016

 

Menzioni onorevoli:

 

Uno studio pubblicato dalla rivista  Addiction Biology “suggerisce fortemente” che il cannabidiolo (CBD) possa essere utile nel trattamento dei disturbi legati all’alcol. Per lo studio, i ricercatori “hanno valutato gli effetti del cannabidiolo (CBD) sul rinforzo di etanolo, la motivazione e la ricaduta” nei topi “. Gli effetti del” CBD (60 mg / kg, ip) sulla concentrazione di etanolo nel sangue, l’ipotermia e le convulsioni indotte dalla manipolazione associati alla somministrazione acuta di etanolo sono stati valutati. “

 

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Urban Economics, la chiusura forzata dei dispensari di cannabis porta ad un aumento della criminalità. Per lo studio, i ricercatori della  University of Southern California hanno  esaminato l’impatto delle chiusure del dispensario sui tassi di criminalità a Los Angeles. I dati sul crimine sono stati analizzati nei giorni prima e dopo che la città ha ordinato la chiusura di centinaia di dispensari.

 

La somministrazione regolare di farmaci a base di cannabis è direttamente associata a un miglioramento del linguaggio nei pazienti con sindrome di Tourette, secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences.

 

L’uso di cannabis topico ha il potenziale per migliorare la gestione del dolore associato alle ferite, secondo uno studio pubblicato sul  Journal of Pain Management  e pubblicato prima della stampa dal  National Institute of Health degli Stati Uniti .

“L’analgesia clinicamente significativa associata ad una ridotta utilizzazione di oppiacei è stata osservata in tutti e 3 i casi”, afferma il ricercatore. “TMC [topica cannabis medica] ha il potenziale per migliorare la gestione del dolore nei pazienti che soffrono di ferite di tutte le classi”.

 

 

Ringraziamo JointBlog per le notizie fornite ed il supporto all’informazione, e soprattutto grazie a tutti i sostenitori e lettori del sito per il supporto in questo anno di lotta sociale!

 

(Visited 148 times, 1 visits today)
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT