Un “modo elegante” per porre fine agli accordi globali sul divieto delle sostanze

74 Condivisioni

Di Phillip Smith

L’Uruguay ha legalizzato la cannabis nel 2013. Il Canada l’ha legalizzata la settimana scorsa. In tal modo, entrambi i paesi si sono messi in palese violazione dei trattati anti-droga delle Nazioni Unite che costituiscono la spina dorsale legale del divieto globale sulla droga. Gli Stati Uniti continuano probabilmente a farlo attraverso la legalizzazione a livello statale accomodata dalla pratica federale.

Non è successo molto dopo la violazione. 

Questo perché i trattati sono sdentati; non hanno meccanismi di applicazione efficaci che si applicano alla maggior parte dei paesi. 

Se un paese coltiva l’oppio per il mercato farmaceutico globale, l’International Narcotics Control Board può minacciare di revocare i suoi diritti nell’ambito del sistema globale delle quote, per esempio. Ma mentre i burocrati anti-droga globali presso l’INCB possono scrivere meme irati che criticano Ottawa e Montevideo, è tutto ciò che possono fare. Lo hanno fatto, e Canada e Uruguay li hanno ignorati allegramente.

Tuttavia la Convenzione unica delle Nazioni Unite sul narcotraffico del 1961 e i suoi follow-up del 1971 e 1988 sono accordi globali, e mentre si può sostenere che i paesi che vogliono legalizzare marijuana o altre droghe dovrebbero semplicemente ignorare questa disposizione – per esempio, sulla base che stanno dando la priorità ai trattati sui diritti umani – c’è un controsenso per cui è meglio modificare o interpretare in modo creativo il quadro globale esistente piuttosto che semplicemente ignorare i trattati anti-droga.

I bravi ragazzi del programma Transnational Institute (TNI) sulla droga e la democrazia hanno escogitato quello che chiamano ” un modo elegante ” per porre fine agli accordi di proibizione globale. Si chiama “inter se modifica”. 

Invece di ignorare la tensione tra la legalizzazione a livello nazionale e i trattati, l’uso di questa strategia “risolverebbe le tensioni dei trattati e consentirebbe un cambiamento progressivo e sostenibile a livello globale”.

Ciò che fa la modifica inter è consentire a due o più stati firmatari delle convenzioni ONU di stipulare un accordo tra loro da soli. Come spiega TNI nel video qui sotto, un gruppo di paesi – ad esempio Canada, Paesi Bassi e Uruguay – potrebbe concordare un accordo di modifica inter-nazionale su come dovrebbe avvenire la coltivazione della marijuana, come condurre il commercio internazionale, istruzione e sanità pubblica politiche, tra gli altri.

“Questi tre paesi fondamentalmente creerebbero un mini-trattato, rispettando allo stesso tempo i diritti e gli obblighi di tutte le parti dello stato che aderiscono alle convenzioni ONU sul controllo delle droghe”, spiega TNI. “Se altri paesi desiderano regolamentare legalmente la cannabis dopo che questo mini trattato è stato concordato, sono liberi di unirsi al gruppo e godere dei benefici di conseguenza.”

Qui abbiamo un modo per legalizzare la marijuana o altre droghe a livello nazionale che almeno riconosce ciò che i trattati delle Nazioni Unite dicono su questo, e che cerca di minimizzare la tensione che la legalizzazione genera nel sistema dei trattati. Le disposizioni dei trattati che chiedono il divieto sarebbero semplicemente svuotate nel tempo in quanto paese dopo paese alla fine aderirebbe all’intero accordo di modifica. Forse poi arriverà un punto critico in cui i trattati stessi potranno essere modificati per riflettere la nuova realtà globale.

Ecco come TNI spiega tutto:


Articolo da StoptheDrugWar.org – Creative Commons Licensing

(Visited 181 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Convenzioni ONU e regolamentazione della Cannabis
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT