USA: L’evoluzione delle leggi statali sulla Cannabis ed il loro impatto sui test antidroga sul posto di lavoro

59 Condivisioni

Pubblicato il 21 ottobre 2018 di Jonathan Baktari MD – Tradotto da  Wu Ming

Il clima attorno all’uso delle droghe – siano esse medicinali o ricreative – è cambiato notevolmente negli ultimi mesi, grazie alla continua evoluzione delle leggi sulla marijuana. All’inizio di maggio del 2017, secondo le stime, negli Stati Uniti esistevano 1.736 dispensari di marijuana e questo
numero è presumibilmente cresciuto da allora.
Con la richiesta in continua espansione, la crescente legalizzazione della marijuana medica e il fatto che la marijuana ricreativa sta lentamente seguendo lo stesso esempio, l’atteggiamento e il comportamento della nostra nazione nei confronti della marijuana sta cambiando. Nei fatti, Pew
Research ha scritto quest’anno che il 62% degli americani dichiara che l’uso della marijuana dovrebbe essere legalizzato – ed è una percentuale in costante crescita negli ultimi 10 anni.
Che cosa significa questo per i test antidroga sul luogo di lavoro, cosa devono sapere i datori di lavoro e come possono adattarsi in modo che loro – e i loro dipendenti – siano protetti?
I Test antidroga sul posto di lavoro dovrebbero riguardare l’uso di marijuana?
L’uso illecito di droghe è una infrazione ovvia , ma oramai non parliamo più soltanto dell’uso di droghe illecite. Soprattutto negli Stati in cui la marijuana ricreativa è legale, gli individui possono usarla più liberamente che mai prima d’ora. Perché, se la legge non lo proibisce più, i datori di
lavoro dovrebbero regolare l’uso della marijuana nella loro sede di attività?
Ora più che mai, le vite personali dei dipendenti si fondono con la loro vita professionale per una ragione principale: la marijuana che fumano di sera o nei fine settimana è probabilmente ancora nel loro corpo quando entrano a lavoro la mattina successiva. Bisogna considerare che, secondo i
sondaggi, almeno il 52% degli americani ha provato la marijuana almeno una volta, e il 44% continua a usarla.
In altre parole, è molto probabile che la marijuana sia già sul posto di lavoro, e tu non lo sappia nemmeno.
Non ci vuole molto THC (da non confondere con il CBD, che deriva dalla canapa [Sic N.d.t.] e non ti “sconvolge”) per risultare positivo ad un test antidoping. Un singolo uso può essere rilevato nell’urina di un individuo da due fino a sette giorni seguenti. Per gli utenti abituali, la finestra
temporale è di uno o due mesi. I test per i farmaci sui capelli possono rilevare il THC nel corpo dopo 90 giorni dall’assunzione.
In termini di THC in particolare, una serie di fattori determinano quanto a lungo dura l’effetto, tra cui:
· La dose assunta.
· La concentrazione della dose.
· Il metabolismo dell’individuo.
· La tolleranza dell’individuo.
· Come è stata consumata la marijuana.

Tutto ciò significa che un individuo che consuma marijuana molto probabilmente la ha ancora nel suo metabolismo quando si presenta al lavoro e potrebbe essere potenzialmente in qualche misura alterato. Indipendentemente dalla legalizzazione, i datori di lavoro possono e devono affrontare
l’uso di marijuana sul posto di lavoro.  L’abuso di droghe e la riduzione della capacità lavorative costano agli imprenditori circa $ 81 miliardi ogni anno in termini di perdita di produttività, assenteismo, incidenti, turnover dei dipendenti a causa dell’aumento dei tassi di licenziamento e dimissioni, del crimine e delle indennità ai lavoratori.
D’altra parte, i test antidoping sul posto di lavoro possono essere un alleato del datore di lavoro.
Secondo la Society for Human Resources Management (SHRM), il 57% dei datori di lavoro effettua test antidroga su tutti i candidati ad un posto. Tra i benefici conseguiti con i test anti-droga c’erano un aumento della produttività del 19%, una diminuzione del 16% dei tassi di turnover dei
dipendenti e notevoli diminuzioni sia nei tassi di assenteismo sia nei tassi di incidenza degli indennizzi ai lavoratori.

Mantenere il controllo sul vostro luogo di lavoro drug-free usando test per la marijuana a volte può essere vitale, specialmente per le mansioni riguardanti la sicurezza. I datori di lavoro dovrebbero consultarsi con una società nazionale di test antidroga specializzata non solo nei test anti-droga, ma che sia anche in grado di contribuire a creare una policy di test antidroga adeguata all’azienda e al suo obiettivo di avviare o mantenere un luogo di lavoro drug-free. Anche lavorare con un ben conosciuto centro nazionale per i test antidroga che possa modellare una policy specifica sul luogo
di lavoro drug-free e possa personalizzare i modelli per i test antidroga, può essere molto utile.

Datore di lavoro e Diritti dei dipendenti

Molti dipendenti credono erroneamente che, poiché la marijuana è stata legalizzata nel loro Stato, sono liberi di consumarla sempre ed ovunque. Tuttavia, non hanno necessariamente tale libertà nella loro sede di lavoro.
Le leggi in evoluzione hanno lasciato i datori di lavoro alquanto confusi su quali diritti, sia loro che i loro dipendenti, detengano. Mentre le norme specifiche delle leggi sulla marijuana possono differire da uno Stato all’altro, esiste una regola generale: i datori di lavoro continuano a detenere il
diritto di decidere il modo in cui gestiscono il proprio posto di lavoro. In altre parole, i datori di lavoro decidono:
· Se vogliono test antidoping per la marijuana.
· Se accetteranno la marijuana medica.
· Quali sono le ripercussioni per i dipendenti che risultino positivi.
· Di consentire o meno l’introduzione di marijuana nella loro proprietà.
· Ciò che vada considerato come ragionevole sospetto.

Questo potrebbe significare che i datori di lavoro abbiano del lavoro extra da fare. Ad esempio, se un dipendente non mostra alcun segno di alterazione, qual è la sua linea di condotta nel caso in cui un test antidroga rilevi il THC nel suo metabolismo? Sarà accettato? In tal caso, quanto THC nel loro metabolismo sarà tollerato? Riguardo le persone che usano la marijuana come medicina, saranno autorizzati a portarla all’interno del posto di lavoro, se necessario?
Quest’ultimo punto è di particolare importanza e potrebbe essere una delle poche aree in cui i datori di lavoro potrebbero essere più flessibili di quanto non vogliano essere. A partire da maggio 2018, gli Stati Uniti avevano circa 3,5 milioni di consumatori di marijuana medica.
Se la tua azienda è in uno Stato che ha leggi tolleranti verso le persone che hanno legittime prescrizioni di marijuana medica, potrebbe essere necessario rivedere la tua politica per adeguarti a questo. Alcuni Stati consentono ai datori di lavoro di vietare ancora l’uso di marijuana anche per
ragioni mediche, mentre altri Stati offrono ai dipendenti che hanno ricevuto una certificazione medica per la marijuana alcune protezioni dalla possibilità di essere discriminati dai loro datori di lavoro, anche se falliscono un test antidoping.
Tutti questi dettagli e altro ancora dovrebbero essere chiaramente indicati nella policy sul posto di lavoro drug-free di ogni azienda. È qui che i datori di lavoro spiegano ai loro dipendenti cosa possono aspettarsi e quali sono i loro diritti sul posto di lavoro. Altri punti importanti da toccare
includono:
· Il motivo del regolamento
· A chi si rivolge.
· Come aiuterai i tuoi dipendenti a seguire la politica.
· Come conduci test a caso.
· Cosa succede quando qualcuno viola la politica.

Avere un regolamento forte e completo sul posto di lavoro drug-free è il miglior compagno del datore di lavoro per mantenere un posto di lavoro drug-free, mantenere i membri del proprio team al sicuro, aiutare la propria attività in modo efficiente e assicurare che tutti siano sulla stessa pagina
per quanto riguarda l’uso di droghe e alcol. Inoltre, aiuta a trovare un equilibrio tra la sicurezza sul posto di lavoro e il rispetto della privacy dei dipendenti, dal momento che alcune persone considerano i test antidroga invasivi ed una violazione della loro privacy.

Cosa possono fare i datori di lavoro?
La comunicazione efficace e aperta tra datori di lavoro e dipendenti è l’approccio migliore, ed è qui che entra in gioco il tuo regolamento. Non siamo più nell’era in cui ogni azienda può semplicemente imporre una politica a tolleranza zero globale. Per certo, alcune aziende possono ancora; ma per gli altri, a seconda di ciò che dicono le loro leggi statali, le circostanze sono cambiate.
Il meglio che chiunque possa fare è lavorare con un servizio di test antidroga che possa aiutare a creare una policy che sia conforme alla legge di quello Stato e lavori a favore sia del datore di lavoro che dei dipendenti.

Jonathan Baktari MD è l’amministratore delegato di US Drug Test Centres
(www.dridratesTestCenters.com), leader del settore nei test anti-droga a livello nazionale e CEO di
e7 Health (www.e7health.com)

Tradotto da – Wu Ming

 

 

(Visited 153 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *