Uso di Cannabis e Predisposizione Genetica

85 Condivisioni

Alcune persone diventano utenti abituali dopo il primo utilizzo della marijuana, e altre lo dimenticano dopo la prima volta. O ti piace qualcosa o non ti piace. Studi recenti indicano che alcune persone potrebbero avere una predisposizione genetica all’uso della marijuana.

Un gruppo di scienziati si è riunito di recente per studiare i dati genetici di 184.765 utenti di cannabis. I risultati, che sono stati pubblicati in  Nature Neuroscience  , ha mostrato circa 35 geni che indicano che una persona è più suscettibile a “usare la marijuana per tutta la vita”.

Questo non era solo uno di quegli studi limitati, in cui una squadra di maniaci pagati studiava una manciata di persone per un mese, e poi scriveva un articolo che era ampiamente esagerato dai media.

I ricercatori hanno intervistato 180.000 persone di tutti i ceti sociali per raggiungere questa conclusione, creando lo studio più grande al mondo di questo tipo in cui sono stati esaminati i geni e la loro associazione con l’uso di cannabis.

“Test basati su geni rivelato 35 geni significativi in 16 regioni, e l’analisi di S-PrediXcan mostrato che 21 geni hanno differenti livelli di espressione nei consumatori di cannabis rispetto ai non – utenti , ”  dice lo studio  .

Marijuana e schizofrenia

Sembra esserci una relazione strana e sconosciuta tra l’uso di cannabis e la schizofrenia. Gli scienziati non sono riusciti a spiegare la relazione genetica. Tutto ciò potrebbe essere spiegato è che le persone con una storia di cannabis erano nelle stesse categorie come quelli a rischio di schizofrenia.

È importante chiarire che lo studio non suggerisce che fumare marijuana causi questa malattia mentale, ma che ci sia una qualche connessione. I ricercatori hanno scoperto che le prove a sostegno della teoria che l’uso di cannabis può causare la schizofrenia sono “deboli”, ma hanno trovato un forte sostegno all’idea che la schizofrenia possa aumentare o causare l’uso di cannabis.

Tuttavia, ci sono prove che “l’eliminazione del consumo di cannabis ridurrebbe l’incidenza della schizofrenia di circa l’8%”. Questo fenomeno, sebbene non pienamente compreso, sembra essere attribuito principalmente all’impatto del THC sui giovani il cui cervello si sviluppa intensamente.

                        “Sebbene la maggior parte dei giovani possa consumare marijuana durante l’adolescenza senza subire danni, una grande minoranza sperimenta effetti dannosi” ,  hanno scritto gli autori  .

La cannabis aiuterà nel trattamento della schizofrenia

Tuttavia, uno studio separato, pubblicato in questi giorni sulla rivista Medicines , mostra che alcuni composti della cannabis, cioè il cannabidiolo composto non psicoattivo (CBD), possono essere una forma di terapia per le persone con schizofrenia. Il composto sembra agire come un antipsicotico.

 “La nuova ricerca suggerisce che la cannabis può essere utilizzato nel trattamento della schizofrenia in un prospettiva eziologica più ampia, concentrandosi sulle cause ambientali delle malattie autoimmuni e neuroinfiammatorie, offrendo una nuova speranza per le persone che soffrono di questa malattia debilitante e poco conosciuto “-  Gli autori dello studio hanno concluso  .

Genetica e predisposizioni per il consumo di marijuana

Anche se lo studio di 24 partecipanti ha mostrato alcuni risultati interessanti, una previsione che qualcuno è diventato un utente di marijuana sulla base della genetica, è solido come una scommessa su un cavallo, solo sapendo che si sfideranno in gara .

Gli autori dello studio ammettono che le loro scoperte “hanno aiutato a spiegare circa l’11% delle differenze nell’uso di cannabis tra gli esseri umani”. Non è sufficiente indicare senza dubbio se una certa persona sarà un utente abituale o si allontanerà.

Tuttavia, il concetto di utilizzare la genetica per valutare le predisposizioni generali all’uso della cannabis ha senso. Il corpo umano è dotato di un sistema endocannabinoide  , che è un gruppo di recettori cannabinoidi che si verificano non solo nel cervello ma in tutto il corpo, ci consentono di sperimentare molti effetti derivanti dalla marijuana.

C’è una tesi che le persone tendono naturalmente alla marijuana come un meccanismo per curare varie malattie con le quali il corpo non può combattere. Questo potrebbe spiegare una piccola percentuale di persone la cui genetica è associata alle erbe da fumo. Sono sicuramente necessarie ulteriori ricerche.

(Visited 308 times, 1 visits today)

Post correlati

Approfondimento:  Torta alla Cannabis con Yogurt e Mele
Stefano Auditore Armanasco

Presidente Associazione No Profit FreeWeed Board

Nato a Cernusco sul Naviglio (MI), il 12/02/1986.

Mail: direzione@freeweed.it

Trovi interessante questa notizia?

Commenti

LEAVE A COMMENT